Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN AZIONE

Comenius
Arte - Amore: amore per l'arte...ovvero l'arte di amare


Allo scopo di sviluppare negli studenti una sensibilità estetica e critica, il progetto ARTE-AMORE ha analizzato il legame fra passione amorosa e creatività riscontrabile in opere di coppie celebri italiane e francesi nei campi della letteratura - pittura - scultura - musica e cinema.
 
Nel corso di una riunione preparatoria, alle docenti italiane che da tempo riflettevano su tematiche innovative da proporre agli studenti, è sembrato evidente che ciò che univa Italia e Francia  era un profondo legame tra l’arte e l’amore visibilmente riscontrabile nelle vie delle città, nelle pagine dei libri, nei capolavori dei musei, nei film, nonché nelle canzoni popolari.

Questo progetto si è proposto di studiare coppie famose (pittori, scultori, scrittori…) che abbiano realizzato capolavori strettamente collegati a esistenze tumultuose. La ricerca - effettuata in più lingue - non è solamente volta a una riflessione sui rapporti tra vita, arte e amore circoscritti in una dimensione biografica, ma si è proiettata a farne cogliere i valori estetici focalizzando l’attenzione su aspetti volti a dimostrare come ogni capolavoro sia in realtà l’espressione di una vicenda universale.

Arte amore - gruppo di progetto a casa Monet
La Storia ci offre infiniti esempi di relazioni “arte-amore” e noi abbiamo scelto di privilegiare le creazioni i cui elementi mitici costituiscano ancor oggi i cardini della civiltà europea senza tuttavia soffermarci su un periodo temporale prestabilito.
L’idea ha suscitato l’entusiasmo dei partner e degli studenti coinvolti, i quali si sono immediatamente mobilitati nelle ricerche e nella stesura del testo di due canzoni musicate poi con l’aiuto di esperti del settore. La scelta dei capitoli da inserire in una brochure multilingue ha motivato i gruppi nel produrre articoli di qualità fruibili da tutti, ma il risultato più consistente di questa esperienza sta nell’aver risvegliato nei ragazzi una sensibilità artistica carica di affettività ed emozioni intrinseche, soprattutto in considerazione del fatto che in nessuna delle scuole partner era prevista nel piano studi la materia “storia dell’arte”.

Il partenariato è risultato innovativo in quanto ha introdotto una dimensione internazionale attraverso:
  • la traduzione in dodici differenti lingue delle schede di valutazione del progetto
  • la partecipazione al Festival Europeo SENTIERI DELL’ARTE edizione 2009 organizzato dal Comune di Garbagnate M.se con il patrocinio della Regione Lombardia
  • la registrazione di due composizioni musicali con il sostegno dei musicisti della Corale St. Maxim di Antony
  • l’apporto offerto dai Sapeurs Pompiers di Longjumeau (che con il loro impegno sociale hanno fatto capire agli studenti quanto sia importante trasferire il tema del progetto anche in un ambito di volontariato)
  • il coinvolgimento di prestigiose Istituzioni straniere quali: il Centre Culturel Français di Milano in occasione della Conferenza pubblica intitolata “ARTE-AMORE”  e  la Cité des Métiers di Parigi nel corso dello scambio tra le Associazioni Genitori delle due scuole.
La creatività è stata l’elemento centrale di un processo di comunicazione atto a favorire momenti di interscambio tra componenti diverse, al fine di favorire la conoscenza interculturale sotto molteplici aspetti.
L’innovazione è consistita nell’aver vinto la sfida di riuscire a coinvolgere  in un lavoro a distanza un gruppo disomogeneo per età e provenienza, nel pieno rispetto di una democraticità intesa nella sua accettazione più profonda e sincera: l’Europa dei giovani.

Oltre ad aver tratto vantaggio da metodi di apprendimento extra curricolari e aver coltivato una sensibilità artistica, in questa esperienza sono stati soprattutto i valori umani a essere posti in rilievo: la cooperazione, l’entusiasmo per le piccole cose, il desiderio di gruppo inteso come punto di confronto e di amicizia e non come “branco”, il senso della giusta competizione al di là del risultato e la scoperta della ricchezza insita negli altri.

La componente docente ha beneficiato di:
- incremento di esperienze
- autoaggiornamento e apprendimento partecipato
- formazione congiunta
- scambio di materiale pedagogico
- condivisibilità della progettazione
- monitoraggio valutativo in itinere.

Gli studenti sono stati coinvolti nella gestione del progetto ottenendo consapevolezza di sé e miglioramento dell'autostima. L'aver poi convissuto due settimane relazionandosi con altre persone nel rispetto dei valori civili e morali ha certamente incoraggiato una nuova visione dell'interculturalità.

Le comunità scolastiche hanno allargato i propri contatti internazionali traendo giovamento dal coinvolgimento dei Dirigenti Scolastici e delle Associazioni Genitori di Bollate e di La Ville du Bois (gruppi di solidarietà e volontariato molto attivi che operano a sostegno e per la formazione delle famiglie sfruttando competenze e professionalità intrinseche perché convinti che l’Europa rappresenti un futuro di qualità per i giovani).

Lo scambio tra le due Associazioni ha portato i seguenti frutti:
  • realizzazione di un progetto d’orientamento post-diploma collegato con Città dei Mestieri di Milano
  • trasferimento del percorso “Formazione Genitori di qualità al Primo Levi” nella scuola partner
  • si sono poste le basi per offrire a ex studenti in stage lavorativo all’estero un sostegno a livello di ospitalità gratuita.
Tutte le componenti hanno imparato quanto sia utile e proficuo saper ascoltare i bisogni altrui accettando punti di vista diversi e mettendo in gioco le convinzioni preconcette di tolleranza e solidarietà. Questo valore aggiunto rinforza il bagaglio personale e sollecita la realizzazione di potenzialità intrinseche volte a valorizzare un vantaggioso interscambio di saperi: é una sfida con sé stessi per valorizzare competenze di base, trasversali e metacognitive.
Arte - Amore, biciclettata a Versailles
Per la disseminazione, i risultati del progetto sono stati presentati alle scuole limitrofe attraverso la brochure realizzata, catalogata nel sistema bibliotecario del Polo delle Groane; sono state realizzate mostre fotografiche, recensioni su stampa locale,  interviste a Radio Panda di Garbagnate M.se e a Radio Città Bollate (dove i Genitori del PRIMO LEVI gestiscono con gli studenti la trasmissione “IZZOS CHE VVITA!”  sulla frequenza FM 101.7) e i prodotti realizzati sono stati infine riproposti e riutilizzati  nella didattica comune.

La sostenibilità di un progetto è una condizione che può essere mantenuta attraverso uno sforzo collettivo e un confronto prolungato, ma la sua implementazione diventa efficace solo quando vengono utilizzate tutte le risorse: creare nuove opportunità di incontro e prospettive di contatti a vasto raggio vuol dire prospettare un’esperienza altamente formativa, consapevole e condivisa.
Nel caso del nostro progetto tutto ciò è stato possibile grazie al coinvolgimento di partner qualificati, al contributo di Associazioni locali, a un monitoraggio in itinere degli step calendarizzati, a una progettazione dettagliata supportata da professionisti, ma soprattutto grazie al coinvolgimento di un vasto numero di studenti motivati, dinamici ed entusiasti. Il binomio ARTE-AMORE si configura pertanto non solo a livello estetico, ma soprattutto nell’intento di predisporre gli studenti a un avvenire umanamente più ricco in cui la curiosità del sapere funga da stimolo per un apprendimento globale atto a migliorare la qualità della vita, offrendo loro al tempo stesso la realizzazione di qualche “sogno nel cassetto”.

Tutti i prodotti realizzati  sono reperibili nella banca dati EST, European Shared Treasure

Mirella Agosta e Rita Guerzonidi Mirella Agosta, ITCS Primo Levi di Bollate, Milano







L'immagine in home page è tratta dalla brochure citata sopra