Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN EVIDENZA

LLP
Per ogni nuova lingua che parli hai una vita in più: premiati i progetti vincitori del Label europeo delle lingue


Idee nuove per la promozione delle lingue: non solo inglese ma - all'insegna del multlinguismo - anche italiano L2, tedesco, spagnolo, neogreco e francese come lingua scientifica.
 

La stagione del Label europeo delle lingue è giunta anche quest'anno al suo momento culminante con la premiazione dei ventuno progetti vincitori, che si è tenuta lo scorso 4 ottobre a Roma. L'evento di quest'anno era collocato all'interno della più ampia cornice della Conferenza partenariati per l'apprendimento, organizzata dal Miur, Direzione generale affari internazionali: un importante momento di incontro tra i diversi attori che alimentano il processo di internazionalizzazione della scuola - Ministeri, Usr, Agenzie LLP, ma soprattutto le scuole, rappresentate da dirigenti e insegnanti - e tributato un momento di visibilità alle molteplici iniziative svolte per valorizzare il contributo della cooperazione scolastica al processo di raggiungimento degli obiettivi comuni europei posti dal quadro strategico Istruzione e Formazione 2010 e successivamente I&F 2020.

Un rilievo particolare all'evento è stato dato dalla ricorrenza del decennale della Giornata europea delle lingue, istituita nel 2011 dal Consiglio d'Europa e celebrata in 45 paesi, che con il motto Per ogni nuova lingua che parli hai una vita in più; se conosci solo una lingua, vivi una volta sola, intende sensibilizzare l'opinione pubblica sulle lingue parlate in Europa, promuovere la diversità culturale e linguistica ed incoraggiare i cittadini ad imparare altre lingue.

Una mostra interattiva ha aiutato i visitatori a ripercorrere le principali tappe del percorso svolto in questi dieci anni, con allestimenti dei materiali realizzati e maxischermi touchscreen con video a cura dei vincitori dell'edizione 2011, e una cartina interattiva che, per tutte le passate edizioni, mostrava la distribuzione geografica dei progetti vincitori e, cliccando sui centri nevralgici segnalati dai puntini rossi lampeggianti, dà accesso al database europeo del language label per mostrare tutti i dettagli sui progetti realizzati.

Per quanto riguarda i vincitori di quest'anno - vai alla notizia sui risultati della selezione Label Europeo delle lingue 2011: ecco i vincitori - università, scuole e centri di formazione si sono dimostrati attivissimi e pieni di idee per la promozione delle lingue: non solo inglese ma, nel vero spirito del multilinguismo - anche italiano L2, tedesco, spagnolo, neogreco, francese come lingua scientifica e tante altre. Le politiche linguistiche dell'Unione europea mirano infatti a tutelare la diversità linguistica e a promuovere la conoscenza delle lingue in nome dell'identità culturale e dell'integrazione sociale, ma anche perché chi conosce più lingue può più facilmente cogliere le opportunità formative e lavorative nel mercato unico. L'obiettivo strategico primario permane quello di un'Europa in cui ogni cittadino parla almeno due lingue oltre a quella materna, sin dall'infanzia. 

Cover.jpg

Per saperne di più dei progetti vincitori, consulta la pubblicazione con la Sintesi dei progetti vincitori Label europeo delle lingue 2011.

Video.jpgLa notizia della premiazione, della mostra e della conferenza è pubblicata anche sul Portale della conoscenza, della piena e buona occupazione e della coesione sociale di Isfol, con un videoservizio che illustra l'evento e i suoi protagonisti: clicca qui.