Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IL TEMA IN DISCUSSIONE

LLP
Essere padroni di sé in un mondo che cambia: la sfida delle competenze


 

Nelle pagine dei siti di Indire e LLP abbiamo affrontato in questi ultimi tempi il tema delle competenze, sottolineando l’attenzione che le politiche dell’Unione Europea ad esso dedicano. La nostra intenzione è proseguire nell’approfondimento e riteniamo sia arrivato il momento di dar la parola a chi è impegnato in prima linea nel rinnovamento dei processi di insegnamento/apprendimento.

Ci piacerebbe sapere se ci sono state effettive risposte alle sempre più pressanti sollecitazioni comunitarie; vorremmo conoscere le risposte emerse e condividerle, per capire se e in che misura affrontare il problema, se ha avuto o sta avendo un impatto sul modo di fare scuola.

La grande sfida dell’oggi è mettere ogni cittadino nelle condizioni di maturare le competenze necessarie ad essere padrone di sé in un mondo del lavoro in rapida evoluzione e sempre più esigente, in una società dove la conoscenza è elemento indispensabile e portante per l’innovazione. Questo è il messaggio che abbiamo finora veicolato.

Le proiezioni ci dicono che nei Paesi dell’Unione Europea, nei prossimi dieci anni, saranno 16 milioni in più le offerte di lavoro per persone molto qualificate, ma solo 3.500 le offerte per qualifiche di medio livello. Ciò nonostante molte persone con qualifiche alte sono in cerca di lavoro. Da analoghe indagini è stato rilevato che solo il 30% delle imprese pensa di trovare sul mercato del lavoro oggi le persone con titoli e competenze giuste per il sistema economico contemporaneo. E ancora risulta che sono circa 80 milioni i cittadini europei fra e i 25 e i 64 anni che non hanno alcuna qualifica o hanno solo una bassa qualifica: 80 milioni di cittadini a forte rischio di disoccupazione ed esclusione sociale; una categoria, questa, che perderà, entro il 2020, 12 milioni di posti di lavoro.
 
Skills5.jpgIn questo scenario inquietante, il grande problema resta comunque il debole possesso di competenze di base rilevato nei giovani e non solo: una carenza che pregiudica l’esercizio della piena cittadinanza. Quando parliamo di competenze di base ci riferiamo a quell’insieme di conoscenze, abilità e comportamenti, fondamentali per ciascuno e appropriati ai diversi contesti nei quali ci troviamo a vivere: competenze nella propria lingua e in altre lingue, competenze in materia di matematica, scienze e tecnologia, capacità di un uso critico degli strumenti digitali e delle informazioni che questi possono offrire. A queste si accompagnano le cosiddette competenze “soft”: lo spirito di iniziativa, l’imparare a imparare, le competenze sociali e civiche, tutto quel che pertiene alla dimensione culturale e interculturale.

Nei vari documenti comunitari che si sono succeduti, è stato posto costantemente agli Stati membri l’invito a ripensare e rinnovare sistemi e curricula, ricentrando l’obiettivo del proprio agire educativo sull’acquisizione di competenze come esito finale del processo di istruzione e formazione.

L’Agenzia LLP/Indire si è resa disponibile ad accogliere questo invito e già da tempo si è impegnata perché i progetti di partenariato da essa sostenuti fossero dedicati a una riflessione e a un esercizio sull’acquisizione di competenze, condivisi con istituzioni educative di altri Paesi. Per avere un riscontro diretto di quanto è stato fatto e si sta facendo, può essere utile effettuare una ricerca in EST - European Shared Treasure - la banca dati comunitaria che raccoglie informazioni sui progetti di partenariato sostenuti dai fondi comunitari del Programma LLP - in particolare sui progetti dedicati a Comenius, Grundtvig e Leonardo - costruita grazie al lavoro degli stessi beneficiari, delle Agenzie nazionali e con l’aiuto della Commissione europea. Sono presenti notizie su molti progetti che trattano il tema delle competenze, pensati e sviluppati in collaborazione fra le istituzioni. Alcuni di questi portano l’etichetta di “star projects”, progetti cioè riconosciuti come eccellenti nella metodologia di gestione del tema e nei risultati raggiunti, modelli da essere ripetuti e sviluppati.  

Leggendo i resoconti che i soggetti protagonisti del partenariato preparano e osservando i prodotti che dal lavoro comune sono scaturiti, risalta netta e generalizzata la consapevolezza dell’importanza dell’acquisizione delle competenze come finalità dei processi. Inoltre si afferma la volontà di valorizzare gli sforzi compiuti per trovare modi e strumenti innovativi nello sviluppo di questo percorso.

L’Agenzia LLP, responsabile per la gestione in Italia dei sottoprogrammi Comenius e Grundtvig, contribuisce da anni a dare maggiore evidenza al tema delle competenze e si impegna a sostenere la ricerca di possibili soluzioni e strumenti comuni: la questione è stata posta al centro di seminari di contatto fra scuole e altre istituzioni, affinché nell’incontro tutti i soggetti interessati avessero spazi di confronto e approfondimento.

Skills9.jpgNel 2007, a Volterra, formatori di adulti di vari Paesi si sono scambiati idee e hanno disegnato progetti focalizzati sulle competenze chiave; nel 2009 a Bardonecchia ci siamo invece concentrati sull’apprendimento linguistico in età adulta. I delegati dalle scuole, incontratisi nei seminari di contatto Comenius, hanno affrontato a Vico Equense, nel 2009 Le competenze civiche per una cittadinanza attiva e a Fano, nel 2010, Lo spirito d’imprenditorialità: una sfida per il futuro

Nei commenti che seguiranno questa breve introduzione, le colleghe dell’Agenzia diranno qualcosa di più sul follow-up delle iniziative citate.  

Questo spazio però vuol esser dedicato soprattutto a ospitare gli interventi di coloro che a partire dai seminari hanno implementato il loro progetto e di chi si è occupato di crescita nelle competenze anche al di fuori dei progetti europei: con l’augurio che si possa realizzare una vitale, fondante condivisione di esperienze su un tema così determinante per il presente e il futuro dell’Unione Europea.  

fiora100.jpgdi Fiora Imberciadori

Link utili: La recente storia di un’idea: parliamo di competenze
L’articolo presenta in nota una dettagliata sitografia a cui si rimanda per possibili approfondimenti sulla posizione dell’Unione in materia di competenze.