Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN AZIONE

Mobilità alunni
Jag kan prata lite svenska


Alessandro è rientrato da poco dall'esperienza di mobilità individuale degli alunni Comenius: 3 mesi in Svezia per scoprire una realtà diversa e portare con sè un paese, una scuola nuova, l'affetto per le persone conosciute e qualche progetto per il futuro.
 
Mi chiamo Alessandro Meloni, sono uno studente del Liceo Scientifico A. Avogadro di Biella e ho partecipato alla Mobilità Individuale degli alunni Comenius studiando 3 mesi presso l'ITG Gymnasiet di Goteborg dal 7 Gennaio  al 2 Aprile 2012.

Foto tratta da Flick'r - licenza Creative commons - Autore:Flype È stata la mia prima esperienza così lunga all'estero ed è stato assolutamente fantastico; un'esperienza che rifarei anche subito.
Dal momento in cui sono atterrato tutti quanti, Erik -il ragazzo svedese che avevo ospitato, i suoi amici, la sua famiglia e i professori hanno fatto tutto il possibile per farmi sentire a casa, tanto che all'idea di tornare... veniva quasi tristezza.

Grazie al Comenius ho conosciuto persone fantastiche con cui ho passato bellissimi momenti, e ho avuto modo di conoscere una realtà completamente diversa dalla mia.

All'inizio non è stato facile, ero l'unico italiano e a parte Erik e la sua ragazza non conoscevo nessuno, non parlavo una parola di svedese e ho anche particolarmente sentito il passaggio da una città piccola come Biella ad una città grande come Goteborg. Ma i ragazzi che ho conosciuto si sono dimostrati persone simpaticissime sempre pronte ad  aiutarmi, mi hanno insegnato le basi della lingua e grazie a loro e alle lezioni di svedese che ho fatto a scuola posso dire “Jag kan prata lite svenska” (Io so parlare un po di svedese) senza mentire.

Nei primi giorni avevo paura di sentire molto la mancanza di casa, degli amici e della famiglia ma grazie a skype e facebook ho potuto mantenermi in contatto con la mia vecchia vita e vivere questa nuova bellissima esperienza al meglio.

In Svezia ho trovato tutto stupendo, mi sono innamorato del paese: della gente, della città, Goteborg è assolutamente bellissima e Stoccolma è quasi meglio di Venezia, della vita dei ragazzi, in particolare delle feste e persino della scuola!

Immagine tratta dal sito del Goteborg GymnasietIl sistema scolastico svedese è molto diverso dal nostro: molto più simile ad un'Università  che a un Liceo italiano, dove gli studenti scelgono il loro programma di studi, lavorano quasi sempre a computer, indispensabile al giorno d'oggi nel mondo del lavoro, hanno orari flessibili con molte pause in cui i ragazzi possono fare sport , rilassarsi o studiare, la scuola è molto più attrezzata di qualsiasi scuola abbia mai visitato con tantissimi laboratori e locali totalmente innovativi come sale di riposo e studio per i ragazzi con caffetteria interna.

Nella nuova scuola mi sono trovato a meraviglia anche grazie all'accoglienza calorosa dei ragazzi che mi hanno accolto subito come membro del gruppo e al mio tutor che in pochissimo tempo mi ha creato un orario ideale grazie a cui potevo seguire i corsi che mi servivano e anche agli insegnanti che mi hanno aiutato tenendo lezioni in inglese solo per me e facendomi fare delle verifiche da portare ai miei professori in modo da dimostrare che avevo anche lavorato oltre a divertirmi e fare sport in Svezia.
È stata davvero un'esperienza bellissima per me che consiglierei a tutti, spero di tornare lì molto presto, magari anche farci l'Università.

Alessandro Meloni,
Studente del 4° anno al Liceo Scientifico A. Avogadro di Biella