Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN EVIDENZA

Comenius
Perchè realizzare un Comenius Regio? Le risposte dal seminario di management


Si è svolto a Firenze il secondo seminario organizzato dall''Agenzia LLP per la buona gestione dei partenariati Comenius Regio e la presentazione di alcune buone pratiche. Ecco i risultati ed i materiali presentati
 

IMG_9150.jpgLo scorso 10 dicembre, nella sala auditorium di Sant’Apollonia a Firenze, si è svolto il secondo seminario dedicato ai partenariati Comenius Regio.
I partenariati Comenius Regio sono un’azione nata a metà del percorso del LLP – sono stati introdotti come nuova tipologia di partenariati soltanto nel 2009 – e per questo motivo si tratta di un’azione da promuovere e sostenere.
Il primo seminario si era svolto l’anno scorso a Roma e già solo dopo due anni si erano messi in luce risultati molto positivi di questi progetti. Questo secondo seminario organizzato in collaborazione con la Regione Toscana, ha avuto il duplice obiettivo di fornire strumenti utili e di supporto alle istituzioni che hanno un partenariato Regio attivo e contemporaneamente fornire informazioni sulle opportunità che un’azione di questo tipo fornisce a potenziali beneficiari futuri.

Nell’introduzione istituzionale della giornata Sara Pagliai, coordinatrice dell’Agenzia LLP, ha evidenziato come i Comenius Regio siano partenariati caratterizzati da un approccio integrato alle politiche educative. La caratteristica dell’integrazione nei Regio è in qualche modo “forzata” dalla loro stessa struttura devono lavorare in sinergia oltre a due regioni europee di due paesi diversi anche gli attori coinvolti sul territorio, ci deve essere cooperazione tra autorità educative, scuole e associazioni/organizzazioni di vario tipo che operano in ambito educativo.
Sara Pagliai ha sottolineato come la realizzazione di un partenariato Comenius RegioIMG_9144.jpg possa offrire la possibilità di rispondere proprio alle indicazioni in tema di educazione che arrivano dall’Unione Europea, non ultima la nuova comunicazione (20 novembre 2012) della Commissione Europea “Rethinking Education – Ripensare l’istruzione: investire nelle abilità in vista di migliori risultati socioeconomici” nella quale si ribadisce la centralità e l’importanza di lavorare in partenariato al fine di promuovere l’innovazione. In quest’ottica i Comenius Regio costituiscono un’azione che realmente ha l’opportunità di apportare innovazione nell’educazione, come richiesto e indicato dalle strategie promosse a livello a Europeo.

Il seminario, organizzato e promosso dall’Agenzia nazionale in collaborazione con la regione Toscana, è stata un’occasione di confronto e collaborazione sul territorio. La regione Toscana e’ anche istituzione attiva in LLP, che ha visto approvato nel 2012 un Comenius Regio dal titolo iCare – Children Art Relationship Education, un progetto sulla creatività infantile che coinvolge Regione e Comune di Copenaghen, Comune di Scandicci oltre che due Centri di Arte Contemporanea: il “Pecci” e lo Staten Museum for Kunst di Copenaghen.


A questo proposito il Dirigente del settore Istruzione e Educazione Elio Satti nell’apertura della giornata ha messo in rilievo come la regione Toscana si stia impegnando per aprire il territorio toscano alla cooperazione europea tramite le opportunità offerte da LLP, cui la Regione Toscana ha partecipato non solo con Comenius ma anche con l’organizzazione di Visite di Studio, oltre all’impegno di sostenere economicamente dal 2013 le borse Erasmus assegnate agli studenti delle università toscane.


IMG_9183.jpgCome da programma si sono susseguiti vari interventi che hanno visto contributi del personale dell’Agenzia LLP con suggerimenti e consigli finalizzati a chiarire meglio obiettivi dei progetti, risultati da raggiungere, procedure da seguire, aspetti amministrativi e finanziari più rilevanti, e di persone (docenti, funzionari, amministratori) che in questi tre anni hanno realizzato nelle loro istituzioni di appartenenza dei partenariati Comenius Regio e che quindi hanno potuto, illustrando la loro esperienza diretta, fornire oltre a esempi di buone pratiche realizzate e di sinergie territoriali e europee innovative, indicare anche strategie per la risoluzione di criticità e consigli pratici per risolvere problemi amministrativi e finanziari.

L’Agenzia Nazionale  ha dato voce ai protagonisti, perché sono i progetti stessi che attraverso i loro risultati e la loro attuazione da parte delle istituzioni rispondono meglio all’interrogativo  “perché Comenius Regio?”, perché una Regione, una Provincia, un Ufficio Scolastico Regionale o un Comune capoluogo di  Regione dovrebbe impegnarsi nella realizzazione di un partenariato europeo di questo genere, magari perché grazie a questo progetto, come ha spiegato la Prof.ssa Rita Scifo dell’USR Lombardia è stato possibile realizzare un vero e proprio studio comparato sulla formazione professionale in Italia e in Germania, che ha visto coinvolti l’Agenzia per l’istruzione della Sassonia, il Berufliches Schulzentrum e il Centro di qualificazione e formazione di Riesa e l’azienda siderurgica Ferlalpi di Riesa.

IMG_9182.jpgSul perché realizzare al partenariato Comenius Regio  è stato incentrato l’intervento sul progetto “Go far”, come raccontato dalla Prof.ssa Annalisa Martini in rappresentanza dell’USR Emilia Romagna.  “Si sono potuti studiare nuovi modi per insegnare la matematica in partenariato, - ha spiegato - con il coinvolgimento di un gran numero di istituti scolastici, comuni del territorio, un ente di formazione; che ha svolto in particolare il ruolo di valutare e di monitorare le attività. C’è stato inoltre il confronto con le scuole tedesche e anche la novità di formatori di livello universitari che attraverso il Regio vengono in contatto”.
Utilizzando un termine matematico, si può affermare che le esperienze Regio raccontate a Firenze hanno un minimo comune denominatore: un partenariato Comenius Regio è un moltiplicatore di contatti sul territorio (istituzioni, scuole, organizzazioni, università, associazioni ecc) e in Europa (istituzioni, scuole, organizzazioni, associazioni ecc. straniere), palestra di cooperazione a più livelli, fucina di pratiche innovative in ambito educativo.

Infine anche le testimonianze in ambito strettamente finanziario –amministrativo, introdotte dalle indicazioni del personale dell’Agenzia Nazionale, relativamente alla struttura del budget e alla rendicontazione finale forniti rispettivamente da Stefania Cecchi della Regione Toscana e da Massimo Perotti, Dirigente della Direzione Didattica di Chieri 3° scuola che ha gestito il finanziamento Regio per conto dell’USR del Piemonte, sono stati particolarmente significativi e hanno stimolato un ampio dibattito con i partecipanti al seminario. 

Le presentazioni della giornata:

/2012_Eventi/regio/ComeniusRegioPerche.pdf Comenius Regio perché? le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative  160.30 KB 
Elena Bettini, Agenzia nazionale LLP Italia

/2012_Eventi/regio/studioformazLombardiaSassonia.pdf USR Lombardia: IPIS - Istruzione Professionale per le Industrie Siderurgiche.
Uno studio comparato sulla formazione professionale in Lombardia e in Sassonia 
  4.51 MB
 
Rita Scifo, Ufficio Scolastico Regionale Lombardia

 /2012_Eventi/regio/Go Far_Martini-USR-ER-blu.pdf USR Emilia Romagna: Go far  3.49 MB 
Annalisa Martini, ITC Bodoni di Parma

/2012_Eventi/regio/preparazionerendiconto.pdf La struttura del budget   272.97 KB 
Stefania De Lellis,  Agenzia LLP

/2012_Eventi/regio/preparazionebudget.pdf Consigli per una buona preparazione del budget  760.57 KB 
Stefania Cecchi, Regione Toscana –Comenius Regio: i Care - Children Art Relationship Education

/2012_Eventi/regio/rendiconto.pdf La documentazione finale  369.52 KB 
Stefano Bindi,  Agenzia LLP

/2012_Eventi/regio/2FocuScienzeLingUE.pdf Consigli per una buona rendicontazione finale  130.84 KB 
Didattica di Chieri 3°- Comenius Regio: Doppio Focus su Scienze e Lingue

Di Elena Bettini
Ufficio Comenius - Agenzia LLP

editing e collaborazione testi Elena Maddalena