Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IL TEMA IN DISCUSSIONE

LLP
Erasmus per tutti: una panoramica sul nuovo programma


A partire da questo intervento lo spazio "Il tema in discussione" diventa l'ambiente in cui l'Agenzia LLP inserirà tutte le informazioni e gli aggiornamenti relativi al nuovo programma della Commissione europea "Erasmus per tutti" 2014-2020. Resterà attiva la possibilità di lasciare commenti all'articolo.
 

Dal 1° gennaio 2014 prenderà il via un nuovo programma della Commissione europea che coprirà sette anni e, con molta probabilità, prenderà il nome di Erasmus per tutti. Per comprendere la sua portata e gli elementi principali riportiamo i passaggi fondamentali avvenuti fino ad oggi per l'avvio del programma.

La proposta di regolamento che istituisce il programma "Erasmus per tutti" è stata presentata dalla Commissione a novembre 2011 con la Comunicazione 17188/11 . Essa riunisce in un unico programma attività precedentemente oggetto di una serie di programmi separati e comprende anche azioni nel nuovo settore di competenza europea, lo sport.

Cosa prevede Erasmus per tutti
Erasmus per tutti raggrupperebbe tutti gli attuali programmi dell'UE, anche quelli di dimensione internazionale, nel settore dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport, sostituendo i sette programmi esistenti (Programma di apprendimento permanente (Erasmus, Leonardo da Vinci, Comenius, Grundtvig), Gioventù in azione, Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e il programma di cooperazione bilaterale con i paesi industrializzati) con un unico programma. Ciò aumenterà l'efficienza, semplificherà la presentazione delle domande di borse e ridurrà la duplicazione e la frammentazione.

Il bilancio proposto per il programma ammonta a 19 miliardi di EUR e le sue principali priorità operative sono la semplificazione delle procedure, l’assegnazione dei fondi basata sulle prestazioni e la creazione di legami più stretti tra i settori dell'istruzione e dell'apprendimento formale, informale e non formale, continuando a incentrarsi su tre tipi di azioni fondamentali:



/2013_Tema/Erasmus_for_all.pdf Erasmus per tutti in sintesi
/2013_Tema/leaflet_en.pdf Opuscolo sul Programma Erasmus for All
/2013_Tema/FAQ_IT.pdf Domande frequenti



Gli aspetti innovativi
Vi sono inoltre alcune proposte innovative, quali lo strumento di garanzie per i prestiti destinati agli studenti nell'ambito del master Erasmus - che mira a promuovere la mobilità e l'accesso a un finanziamento abbordabile che consenta agli studenti di diplomarsi (master) in un altro Stato membro - le alleanze della conoscenza e le alleanze delle abilità settoriali.
Infine, il programma punta anche a sostenere gli sforzi dell'UE per superare uno dei periodi economici più difficili della sua storia, in particolare allineandosi in maniera molto rigorosa alla strategia Europa 2020 per la crescita e l'occupazione, in cui l'istruzione e la formazione svolgono un ruolo essenziale.
Nel corso del Consiglio "Istruzione, gioventù, cultura e sport" del 10 e 11 maggio 2012, i ministri dell'istruzione dell'UE hanno adottato all'unanimità un orientamento generale parziale sulla proposta, raggiungendo cioè un accordo preliminare sull'intero testo, ad esclusione delle disposizioni aventi implicazioni di bilancio in attesa dei risultati dei negoziati sul prossimo QFP, quali il bilancio totale del programma, le assegnazioni tra i diversi settori e lo strumento di garanzie per i prestiti destinati agli studenti di master.

Le modifiche del Consiglio
Sebbene abbia mantenuto l'architettura generale della proposta della Commissione, che pone l'accento sulla semplificazione e su diversi tipi di azione piuttosto che su un approccio puramente settoriale, il Consiglio ha introdotto una serie di modifiche al testo, molte delle quali sono state in seguito accolte dal Parlamento europeo, in particolare:

  • creazione di un capitolo a se stante dedicato alla gioventù con una dotazione di bilancio separata, unitamente a un accesso più esteso per le attività giovanili non organizzate;
  • conferimento di maggiore flessibilità agli Stati membri in termini di attuazione, ad es. autorizzare più di un'agenzia nazionale e consentire la gestione di più attività a livello nazionale;
  • garanzia di livelli di spesa minimi per ciascuno dei diversi settori dell'istruzione (scuole, istruzione superiore, istruzione e formazione professionale ed educazione degli adulti);
  • accesso più ampio al programma al fine di garantire la partecipazione delle persone con esigenze particolari o con minori opportunità.
...e del Parlamento euopeo:
Il 27 novembre 2012, la commissione del Parlamento europeo competente per il merito (CULT) ha votato 273 emendamenti alla proposta. Inoltre altre quattro commissioni - BUDG, DEVE, EMPL e ITRE - hanno formulato un parere. I principali settori di divergenza rispetto alla posizione del Consiglio possono essere sintetizzati nel modo seguente:
  • nuovo nome per il programma: YES EUROPE;
  • mantenimento degli attuali "marchi" dei sottoprogrammi (Comenius, Erasmus, Leonardo di Vinci, Grundtvig, ecc.);
  • obiettivi dettagliati per i capitoli istruzione, formazione e gioventù;
  • inclusione degli indicatori nell'atto di base (in un allegato);
  • maggiore utilizzo di atti delegati.

Le prossime tappe
La presidenza auspica di raggiungere un accordo prima dell'estate; in tal modo la Commissione potrebbe ultimare gli importanti lavori preparatori in tempo perché il programma sia avviato, come proposto, il 1° gennaio 2014.
Durante la riunione del 7 e 8 febbraio, il Consiglio europeo ha raggiunto un accordo su un considerevole incremento dei mezzi finanziari destinati alle spese orientate al futuro in settori quali ricerca, innovazione e istruzione, al fine di promuovere la crescita e creare posti di lavoro. La dotazione della sottorubrica 1a ("Competitività") è aumentata infatti di oltre il 37% rispetto al QFP 2007-2013.
Il Consiglio europeo si è inoltre impegnato ad accrescere in termini reali i finanziamenti diretti al programma dell'UE in materia di ricerca " Orizzonte 2020" e al programma "Erasmus per tutti".

omini_bandiera.jpg

Contesto

Il programma ERASMUS ha festeggiato il suo 25° anniversario nel 2012 ed è considerato il programma di scambio per studenti di maggior successo a livello mondiale. Esso offre inoltre opportunità di tirocini in imprese per studenti, insegnamento e formazione per il personale universitario e finanzia progetti di cooperazione tra istituti di istruzione superiore in tutta Europa.
Oltre 230mila studenti beneficiano ogni anno del programma Erasmus per studiare all'estero e attualmente il 4% circa di tutti gli studenti dei paesi partecipanti in Europa riceve una borsa di studio durante gli studi all'estero.
Da quando è stato avviato nel 1987 circa 3 milioni di studenti hanno preso parte al programma, come pure, a partire dal 1997, oltre 300mila insegnanti e altro personale dell'istruzione superiore (questo tipo di scambio è stato ulteriormente esteso nel 2007). Il suo bilancio annuale è pari a 450 milioni di EUR, vi partecipano più di 4mila istituti di istruzione superiore e 33 paesi e altri ancora intendono aderirvi.


Per maggiori informazioni visita la pagina della Commisione europea dedicata al nuovo Programma.


di Elena Maddalena
Unità Comunicazione
Agenzia LLP-Italia