Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

PUBBLICAZIONI

Comenius
La metodologia Clil all’interno della progettazione europea


 

La conferenza di monitoraggio tematico Comenius "La metodologia CLIL all'interno della Progettazione Europea" (Roma, dicembre 2012) ha chiamato a raccolta un ricco panel di esperti italiani e internazionali che hanno messo a confronto la loro esperienza maturata nel corso degli anni, già da prima, cioè, che i decreti  di attuazione della Riforma della scuola secondaria di secondo grado introducessero l’obbligatorietà dell’insegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in una lingua straniera nell’ultimo anno dei Licei e degli Istituti Tecnici e negli ultimi tre anni dei Licei Linguistici.

La panoramica internazionale si è aperta con approfondimenti teorici e metodologici su come funziona e viene applicato il CLIL in altri paesi europei, grazie agli interventi di: Peter Mehisto, estone ma adesso in forze alla University of London, Gaël Le Dréau, Chargé de mission per le lingue e le nuove tecnologie al Centre National de Resources Pédagogiques di Poitiers in Francia e Luiza Nora del Colégio São Teotónio di Coimbra, Portogallo.

Mettendo poi a fuoco il piano nazionale, si è potuta toccare con mano la ricchezza di esperienze CLIL già in corso nel nostro paese, di cui hanno portato diretta testimonianza i protagonisti di progetti europei Comenius ed eTwinning, i rappresentanti delle associazioni di insegnanti Lend e Anils, i coordinatori di reti europee e gli ideatori di visite di studio incentrate sul CLIL a partire da domand quali: perché Clil? quali le difficoltà/le sfide? quali gli stimoli in termini di motivazione? cosa è emerso dal confronto con gli altri paesi? quali le metodologie utilizzate e i benefici ottenuti?

I circa cento insegnanti e dirigenti scolastici intervenuti si sono poi confrontati, nei gruppi suddivisi per ordine di scuola, primo ciclo, istituti tecnici e professionali, istituti d’istruzione superiore e licei, continunando a discutere sui principali fattori in gioco: la formazione degli insegnanti, il ruolo delle diverse figure coinvolte, il lavoro in tandem, la metodologia, i format d’insegnamento e apprendimento, la cooperazione europea e internazionale, il monitoraggio e la valutazione, la certificazione, gli esami di stato.

Data l’alta qualità degli interventi presentati e dei temi discussi, l’Agenzia anzionale LLP ha ritenuto di fare cosa utile provvedendo alla loro diffusione tramite questa pubblicazione.

Un doveroso ringraziamento va agli esperti che hanno voluto condividere con noi problemi e soluzioni, dubbi e consigli, ai partecipanti che hanno animato la giornata con le loro domande e nella discussione, e al personale dell’Agenzia che ha lavorato all’organizzazione e al buon successo dell’iniziativa.

Scarica il Quaderno 18 /2013 Pubblicazioni/quaderno_18.pdf La metodologia CLIL all’interno della progettazione europea