Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN EVIDENZA

Jean Monnet
Premio della Presidenza del Consiglio al volume "Luciano Bolis. Dall’Italia all’Europa" di Cinzia Rognoni Vercelli


Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri “Giacomo Matteotti” 2007
 
Mercoledì 16 gennaio, presso il Salone Teresiano della Biblioteca universitaria è stato presentato il volume "Luciano Bolis. Dall’Italia all’Europa" che Cinzia Rognoni Vercelli, docente presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Pavia, ha dedicato alla vicenda biografica di uno dei padri del federalismo europeo, Luciano Bolis, fortemente legato a Pavia e alla sua Università.
Il volume, edito da Il Mulino, ha ricevuto lo scorso 12 dicembre il Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri “Giacomo Matteotti”, assegnato a opere che illustrano gli ideali di fratellanza tra i popoli, di libertà e di giustizia sociale che hanno ispirato la vita di Giacomo Matteotti. Alla presentazione di mercoledì, accanto all’autrice, e dopo il saluto del Rettore Angiolino Stella, interverranno Giulio Guderzo, Alfredo Canavero, Arturo Colombo e Gianni Perona.
Il volume di Cinzia Rognoni Vercelli Luciano Bolis. Dall’Italia all’Europa, è un corposo saggio di 536 pagine, dedicato alla vicenda biografica di Luciano Bolis. Federalista convinto, Bolis fu tra i maggiori interpreti dei cambiamenti cruciali del secolo XX, impegnato con spirito mazziniano e con fortissimo senso del dovere per l'affermazione dei grandi valori della civiltà europea, a cominciare da quello della pace. Antifascista sin dagli anni Trenta, esule in Svizzera nel settembre del '43, eroe della Resistenza nelle file di Giustizia e Libertà al fianco di Ferruccio Parri, impareggiabile esempio d'impegno civile e politico nel dopoguerra, Luciano Bolis dedicò tutta la sua vita alla militanza federalista: fu infatti dirigente di primo piano del Movimento federalista europeo sin dai tempi della segreteria di Altiero Spinelli e portò quello che lui chiamava il suo "granello di sabbia" ovunque fosse possibile far avanzare la costruzione della Federazione europea. Il comune di Roma ha recentemente dedicato una strada a Luciano Bolis all’interno di Villa Ada.

Motivazione del premio “Giacomo Matteotti” 2007 sezione saggistica
La Giuria per la sezione Saggistica del Premio Matteotti 2007 ha con voto unanime scelto il volume Luciano Bolis. Dall’Italia all’Europa di Cinzia Rognoni Vercelli Il Mulino. E’ una rigorosa e appassionata ricerca storica condotta anche su documenti di archivi pubblici e privati, italiani ed europei intorno a una figura importante della storia democratica e antifascista e su una personalità che appartiene di diritto alla schiera dei fondatori dell’Europa unita. Tra i primi, Altiero Spinelli di cui Bolis è stato amico e collaboratore anche nell’ambito delle istituzioni europee.
Luciano Bolis è anche una figura prestigiosa della lotta di Liberazione e degli ideali della Resistenza che egli ha difeso, fino al limitare del sacrificio, durante i mesi di detenzione e di tortura cui fu sottoposto dai nazifascisti. Di questa esperienza rimane la drammatica testimonianza raccontata dallo stesso Bolis nella famosa opera Il mio granello di sabbia, pubblicata nel l946.
In questo volume Cinzia Rognoni Vercelli ha ripercorso il processo di maturazione politica di Bolis, durante gli anni del fascismo, le sue battaglie nelle file di Giustizia e Libertà di Carlo Rosselli, la partecipazione alla lotta di liberazione, l’impegno nel dopoguerra nel Partito d’azione, gli stretti rapporti con Ernesto Rossi e la “scelta assoluta” del federalismo europeo. Quest’ultima esperienza, scandita inizialmente dagli eventi della guerra fredda,rivela, fino alla scomparsa nel l993, un Bolis partecipe,convinto e diretto, accanto a Spinelli, nella lotta dei federalisti italiani, per la effettiva costruzione di strutture, istituti, uffici comunitari efficienti e rispondenti all’idea originaria di un europeismo della pace e della democrazia in cammino.

fonte: Comunicato stampa: Università degli Studi di Pavia, Ufficio Relazioni Esterne