Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN EVIDENZA

LLP
Festival d'Europa 2013: voci, volti ed esperienze dal mondo LLP


Grande interesse e partecipazione alla giornata-evento organizzata dalle Agenzie LLP Indire e Isfol venerdì 10 maggio “Le Competenze strategiche per i cittadini di oggi e di domani”, nello Spazio Le Murate di Firenze. Leggi il report dell'incontro, realizzato durante il Ferstival d'Europa 2013.
 
cortile_300.jpgE’ un successo che supera le aspettative quello registrato dalle Agenzie LLP Indire e Isfol all’ultima edizione del Festival d’Europa, nei due appuntamenti organizzati il 9 e 10  maggio scorso a Firenze: la Conferenza  “Il contributo del Programma LLP alla costruzione della cittadinanza europea”, e in particolare la giornata-evento venerdì 10 maggio “Le Competenze strategiche per i cittadini di oggi e di domani”, nello Spazio Le Murate. All’incontro, realizzato per diffondere e valorizzare le esperienze e il senso della partecipazione al Programma LLP con le testimonianze dirette dei beneficiari, hanno partecipato oltre 600 persone provenienti da tutta Italia: dirigenti scolastici, insegnanti, studenti e docenti universitari, genitori e alunni hanno animato un’intensa giornata che ha visto impegnati 40 relatori in oltre 20 ore di workshop.

Nome_documento_ok_50.jpgLa conferenza si è aperta con i saluti istituzionali del Commissario straordinario, Giovanni Biondi, affiancato dalle autorità nazionali MIUR e MLPS,  Daniele Livon (DG per l’Università, lo Studente e il Diritto allo Studio Universitario), Marcello Limina (DG Affari Internazionali) e Monica Lippolis (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) e Cristina Giachi, Assessore del Comune di Firenze all' Educazione, Fondi Europei, Università, Ricerca, Politiche Giovanili e Pari Opportunità; introdotti da Sara Pagliai (Coordinatore Agenzia Nazionale LLP, INDIRE) e Sveva Balduini (Direttore Agenzia Nazionale LLP, ISFOL).

Erasmus: esperienze di eccellenza
L’avvio dei lavori nella Sala SUC è stato dedicato ad una rassegna di progetti Erasmus sul tema: Docenti e studenti a confronto: occupabilità dopo l’esperienza Erasmus, con la presentazione di due esperienze Intensive Programme: European Summer School in Industrial Mathematics (ESSIM)  un progetto presentato da Alessandra Micheletti, docente all’Università Statale di Milano e l’esperienza  del Consorzio Academic Students Placements in Europe (ASPE), con l’intervento di Elena Fontana dell’Ufficio di Relazioni Internazionali dell’Università di Pavia.
livon.jpgA seguire, è presentato il progetto Erasmus in schools, gestito dalla rete Erasmus Student Network- ESN per sensibilizzare e far conoscere ai giovani delle quarte e quinte classi superiori le opportunità di mobilità, grazie ai racconti delle esperienze di ex studenti Erasmus.
Il momento centrale della sessione è stata la premiazione delle esperienze Erasmus in disabilità. Protagonisti Giorgio Graziotti dell’Università della Tuscia e Martina Caironi  dell’Università Statale di Milano, medaglia d’oro nei 100 metri e medaglia di bronzo nel salto in lungo alle Paraolimpiadi di Londra 2012. Premiati da Daniele Livon con due tablet, gli studenti hanno chiuso con orgoglio ed emozione la mattinata nella sala SUC.

Gli workshop
Spirito di iniziativa e Imprenditorialità
Il workshop nel Caffé letterario è stato animato dai racconti dei cinque relatori intervenuti. Pur nella diversità delle esperienze realizzate in Comenius, Grundtivig e Leonardo da Vinci le esperienze hanno declinato con successo le competenze Spirito di iniziativa e Imprenditorialità in ambienti educativi e della formazione, suscitando molto interesse nel pubblico.
Il partenariato Entrepreneurship – Our passport to the future, riportata da Alessandra La Rocca e dalle alunne del Liceo Artistico “P.Candiani” di Busto Arsizio, ha coinvolto i giovani in stage, momenti  di scuola–lavoro e competizioni  su temi economici. Produrre energia salvaguardando l’ambiente è stato il tema di Discover and act together for the sustainable development in technologic and scientific fields, un progetto presentato da Maurizio Tovani dell’I.S.S. “I.Calvino” di Genova, che ha realizzato un prototipo promosso sul territorio con un’attività di tipo imprenditoriale. Molto coinvolgente l’esperienza  dell’Associazione E.S.T.I.A. di Milano Education, theatre et arts visuels, riportata da Michelina Capato. Il progetto ha realizzato opere teatrali e arti visive con discenti detenuti o adulti appartenenti a contesti di esclusione sociale, facendo nascere un dialogo tra il dentro e il fuori. Le esperienze Leonardo da Vinci hanno evidenziato due elementi centrali del “fare impresa”: l’approccio empower oriented e l’acquisizione di competenze imprenditoriali spendibili. Sul primo tema è intervenuta Gabriella Longu di Isfor Api a Cagliari, che con il progetto G.O.L.I.A. Giovani Organizzano Lavoro Impresa Assieme mira a stimolare nei giovani la fiducia nelle proprie idee e risorse, intrecciare relazioni fra scuole e aziende e sviluppare idee imprenditoriali fattibili e innovative.  Infine, il progetto Activity guidelines in real context: development of cross-curricular achieving skills as an effective tool in the transition to the active life. Ready to be a professional,  presentato da Franca Mazzoli  per il Centro Formativo Provinciale “G. Zanardelli” di Brescia, ha permesso di progettare, sperimentare e condividere esperienze didattiche nella formazione professionale e sviluppare negli alunni le competenze più richieste dalle imprese: problem solving, autonomia, lavoro di squadra, autostima, flessibilità, creatività, competenze relazionali e comunicative, volontà, passione, determinazione.

Nuove competenze per nuovi lavori

945754_538945226149448_981416571_n.jpgIl workshop era incentrato sul tema le competenze digitali nel mondo del lavoro.  L’argomento è stato introdotto da due testimonianze di Alessandro Prunesti, Rappresentante dell’Associazione Indigeni Digitali e Francesco Cappé, Fondazione GaragErasmus. Si è parlato ampiamente di economia e di cultura dell’innovazione in Italia e certamente del rapporto tra nuove tecnologie e il settore dell’istruzione. I progetti educativi selezionati e presentati durante il workshop, partenariati Leonardo da Vinci e Comenius, rappresentano un risultato concreto di applicazioni delle competenze digitali alle nuove sfide del mercato del lavoro. Alcune buone prassi, connubio perfetto tra teoria e scienza delle applicazioni tecnologie, Robotics and Automation Careers in Engineering, Spot Spotting, Do you actually know your digital shadow, Town Centre Managers Training and Knowledge Exchange  evidenziano in modo significativo che Scuola, Università, Associazioni di categoria, mondo della formazione in generale, sono validi laboratori di sperimentazione, dove si insegna prima di tutto ad avere un senso critico all’approccio e utilizzo delle nuove tecnologie. Da una parte mercato del lavoro digitale, lavori ancora da scoprire, e dall’altra una documentazione pedagogica  sulle competenze digitali tutta da scrivere.

Le competenze linguistiche per la mobilità e l’occupabilità

I lavori del workshop hanno preso spunto da alcune riflessioni condivise a livello europeo sul valore e l’importanza delle competenze linguistiche per favorire non solo la mobilità dei giovani in Europa ma anche per aumentare le possibilità di occupazione.
Con riferimento, in particolare, a quanto indicato dalla Commissione europea nel documento “Ripensare l'istruzione: investire nelle abilità in vista di migliori risultati socioeconomici”, e più in particolare ad uno degli strumenti di accompagnamento denominato “Language competences for employability, mobility and growth”, sono state esplorate le criticità principali che limitano lo sviluppo delle abilità linguistiche e che determinano, come conseguenza, un importante ostacolo alla mobilità delle persone e principalmente dei giovani. Non da ultimo è stato considerato il ruolo che le lingue straniere rivestono per le imprese per operare nel mercato mondiale.
Per affrontare questi temi sono state condotte, nel corso del workshop, alcune interviste a testimonianza del ruolo delle lingue per sostenere i processi d’inserimento nel mercato del lavoro e sono state individuate le soluzioni più strategiche agli ostacoli che impediscono la corretta informazione sul ruolo delle lingue,  riducendo anche il controllo sulla qualità dell’offerta formativa disponibile sul mercato
Il workshop si è concluso con una breve sintesi dei risultati da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che ha esaltato il compito delle lingue per l’innovazione dei sistemi d’istruzione e formazione.


L'Europa dei giovani: riflessioni sulle opportunità di mobilità all’interno del programma LLP
Mobilità come parola chiave Nome documento ok_327_300_1.jpgdelle opportunità offerte dall’Europa, soprattutto ai giovani ma non solo: questo il tema centrale dell’ultima sessione di lavori della conferenza LLP affrontato insieme a dodici protagonisti di esperienze di mobilità europea. Leonardo Sacchetti di Giovanisì - progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani – ci ha condotti  in  un viaggio dalla Francia alla Spagna, alla Lituania all’Irlanda etc. attraverso il significato di esperienze come la Mobilità individuale degli alunni Comenius, l’assistentato nel settore scuola e nell’educazione degli adulti, l’impatto di un tirocinio Leonardo Da Vinci sull’acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro, la ricchezza dello scambio interculturale vissuta dagli organizatori di un workshop Grundtvig, e infine Erasmus, vissuto come esperienza diretta di studio e di placement e come Erasmus Student Network, una delle più famose  associazioni di studenti  Erasmus.

Sul finale di giornata, non potevano mancare le soprese…

Proprio su Erasmus è intervenuto un ospite d'eccezione  che ha voluto condividere con tutti noi le aspirazioni di studi europei dei propri figli: grazie di cuore al mister  della Fiorentina Vincenzo Montella!
Il workshop dedicato alla mobilità si è concluso con una testimonianza diretta dell’incontro tra culture, grazie all’istituto…di Senigallia  che è arrivato al Festival d’Europa con un pullmann carico di studenti e docenti da Turchia e Repubblica Ceca, in Italia per l’incontro conlusivo del progetto Comenius Teens’digital world.  Citiamo le parole di Mr Ahmet a commento del lavoro di partenariato con l’Istituto del Prof. Daniele Sordoni: In Italia non mi sento straniero.

Un té con eTwinning
Nome_documento_ok_281.jpgE' stato l'appuntamento offerto dall'Unità eTwinning Italia ai partecipanti del Festival d'Europa 2013. Una vera merenda, con torta e tè servito in porcellana, che ha saputo stuzzicare l'acquolina con la dolcezza e tante idee per una piccola o grande esperienza europea da realizzare in classe attraverso tecnologie digitali diverse e i contatti di una rete di insegnanti appassionati. Il buon risultato è stato merito dei relatori e del loro personale bagaglio di entusiasmo e di esperienza in questo campo: quattro docenti esperte che sono parte del gruppo regionale degli Ambasciatori eTwinning della Toscana. Simona Bernabei, referente pedagogico eTwinning, e docente del Liceo Rosmini di Grosseto, ha lanciato la prima domanda ai quasi 100 presenti nella saletta del Caffè Letterario: Cosa può fare eTwinning per me?, una panoramica delle possibilità e ispirazioni dal mondo eTwinning. Francesca Panzica, docente della Direzione Didattica di Lastra a Signa, ha condiviso una sintesi dei vantaggi di fare eTwinning per una scuola al passo coi tempi, frutto della sua ormai lunga esperienza di eTwinning e di innovazione alla scuola primaria. L'esperienza del Liceo Linguistico Cecioni di Livorno, realtà storica di eTwinning, ma anche "speciale" per gli esiti eccezionali che l'azione ha prodotto nella scuola dal suo avvio, è stata testimoniata da Marina Marino che ha dedicato a Il CLIL con eTwinning il suo intervento, un argomento "caldo" per la scuola secondaria superiore che può trovare in eTwinning una possibile soluzione concreta.
Infine Laura Maffei, della scuola secondaria di primo grado "Arnolfo Di Cambio" di Casole d'Elsa, moderatrice di una Sala Insegnanti eTwinning di largo seguito, eTwinning e la realtà dedicata alla condivisione di soluzioni per affrontare e superare gli ostacoli alla progettazione europea in classe, ha concluso con un intervento coinvolgente, riportando le ambizioni europee e innovative di eTwinning alla realtà della scuola italiana. I progetti europei sono compatibili con la scuola italiana? Per Laura e gli altri Ambasciatori eTwinning la risposta è senza dubbio affermativa; per questo è bene concentrarsi su cosa si può fare meglio e passare subito all'azione!


Nome documento ok_227_300_1.jpgLe Stelle di EST

Un momento molto emozionante della giornata è stata la premiazione dei 29 progetti Comenius, Grundtvig e Leonardo da Vinci che hanno ricevuto il Riconoscimento Star Project 2012 European Shared Treasure da parte delle Agenzie LLP italiane come migliori esperienze, meritevoli di essere citate ad esempio e seguite come modello di buona implementazione del progetto. I vincitori, provenienti da ogni parte d’Italia, hanno dato vita ad un mosaico di voci ed immagini che hanno restituito l’impegno ed il lavoro delle esperienze di progetto.
Scarica la presentazione degli /2013_In evidenza/FDE2013/PremiazioneComeniusLeonardoGrundtvig_light.pdf Star Project EST 2012 


Musica e teatro dai progetti LLP
Tra un workshop e l’altro, nel Festival d’Europa in chiave LLP non potevano mancare performance artistiche e musicali nate e cresciute proprio all’interno di progetti europei.
Scarica il/2013_In evidenza/FDE2013/Programma di sala_10maggio_ok.pdf Programma di sala .
Nome_documento_ok_171_300.jpgI lavori della mattinata si sono conclusi con l’esibizione di Extático Duo, un duo  violoncello-chitarra nato grazie al progetto di mobilità Leonardo Da Vinci  "Working With Music" promosso dal Conservatorio di Musica Licinio Refice di Frosinone:  il violoncellista Mariano Bulligan e il chitarrista Hu Bin si sono incontrati infatti grazie ad una borsa di studio rivolta ai migliori laureati dei Conservatori di Musica italiani per lo svolgimento di tirocini presso istituzioni europee.
Nel pomeriggio la piazza delle Murate è stata scenario di una performance teatrale in francese, frutto di un progetto Comenius tra l’ISIS Machiavelli  di Firenze e il Lycée Victor Louis de Talence  di Bordeaux : sul palco, nonostante la pioggia, i 23 bravissimi giovani attori dell’ISIS Machiavelli hanno messo in scena un "Incontro amoroso tra due letterature" .
La lunga giornata di Festival si è conclusa sulle note jazz dell’arpa di Claudia Duranti e la chitarra elettrica di Daniele Vettori, della Scuola di Musica Francesco Landini di Firenze, da anni protagonista di progetti Grundtvig. Un saluto in musica e appuntamento alla prossima edizione. NICE TO MEET EU!


In chiusura, riportiamo il messaggio Cristina Giachi, Assessore del Comune di Firenze all' Educazione, Fondi Europei, Università, Ricerca, Politiche Giovanili e Pari Opportunità.

Gentilissimi,
a chiusura del Festival d’Europa 2013, desidero rivolgerVi un grato pensiero per la fondamentale partecipazione a questa seconda edizione e condividere con Voi la soddisfazione per il successo di NICE TO MEET EU!.  150 iniziative in 40 luoghi della città, 200 relatori e oltre 300 tra giornalisti e blogger accreditati, sono alcuni dei numeri che spiegano il meritato successo dell’iniziativa che ha coinvolto un grandissimo numero di cittadini e studenti a cui si è aggiunto il pubblico della rete, con gli oltre 6 mila contatti che hanno seguito le dirette streaming su intoscana.it.  Firenze è stata trasformata ancora una volta in un laboratorio creativo per la comunicazione e la diffusione della conoscenza dell’Europa che occorre però continuare a coltivare. Un sondaggio promosso dal Comune di Firenze, ha documentato come l’Europa non sia solo l’euro, ma anche opportunità di lavoro, conoscenza dei territori e arricchimento delle culture diverse e nuove, sulle quali i cittadini vogliono essere più informati. Grazie ancora e davvero del Vostro entusiasmo e della collaborazione preziosa che ha fatto ancora una volta di Firenze il cuore dell’Europa.


fblogo.jpgGuarda la fotogallery della giornata ed i Passaporti Europei sulla pagina Facebook dell'Agenzia LLP 

logoyoutube.jpgGuarda i tutti i video Per me l'Europa é... sul canale LLP Italia di YouTube



Hanno contribuito
Agenzia LLP/Indire
Alessandra Ceccherelli, Massimiliano D'Innocenzo, Elena Maddalena, Lorenzo Mentuccia, Angela Miniati, Valentina Riboldi
Agenzia Leonardo da Vinci/Isfol
Natalia Guido

editing EM