Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN AZIONE

Formazione in servizio
Job shadowing a Sheffield


La docente di inglese Claudia Pellegrini racconta la sua esperienza di job shadowing presso la King Edward VII School a Sheffield, Gran Bretagna, nel periodo dal 4 febbraio al 8 marzo 2013.
 

Premessa

Sheffield, città inglese famosa per la sua produzione d’acciaio durante la Rivoluzione Industriale, diede i natali non solo all’inventore dell’acciaio inox, ma anche a Charlotte Simons, che l’anno scorso aveva lavorato presso la nostra scuola come assistente di lingua e cultura inglese. È stata lei a fare da “gancio” e a stabilire i contatti tra il nostro Liceo e la King Edward VII School. La King Edward è una Comprehensive School  statale, nota nello Yorkshire per il suo dinamico Language College.
La mia referente e tutrice in loco era Mrs Eva Lamb, direttrice del suddetto Language College. La sua professionalità e cordialità mi hanno permesso di approfittare ad ampio raggio delle opportunità che mi sono state offerte nelle cinque settimane passate a Sheffield.
Altrettanto importante è stata la collaborazione con Mrs. Penny Simons, Senior Lecturer di Francese e Faculty Director of Learning and Teaching presso la prestigiosa University of Sheffield.

L’esperienza del percorso formativo

Mrs. Lamb ha introdotto nel suo dipartimento metodologie nuove e ha chiamato in vita progetti per lo studio delle lingue a livelIo locale, regionale e nazionale, che ho potuto non solo osservare, ma di cui ho fatto attivamente parte.
La mia settimana lavorativa si articolava da lunedì a venerdì e consisteva di 22 - 24 ore, durante le quali ho avuto occasione di osservare non solo lezioni di lingue come tedesco, italiano, spagnolo, inglese, urdu, ma anche di Scienze Sociali ed Igiene (PSHE) nonché di Musica.
In genere però fungevo da assistente di lingua degli insegnanti di Tedesco e Italiano sia in classe che durante le lezioni individuali, nelle quali preparavo i ragazzi agli esami GCSE ed A-levels. Molto fiera vado del fatto che, una volta conquistata la stima della mia tutrice, più di volta mi sono state affidate anche classi intere.
Ho fatto da assistente in lezioni del progetto EAL e del progetto ESOL, rivolto a neo-immigrati e alle loro madri, che hanno come obiettivo l’integrazione di queste persone tramite l’insegnamento dell’inglese.
Ho conosciuto il premiato progetto HOLA  che fornisce la possibilità di sostenere esami GCSE ed A-levels a ragazzi di lingue di altre comunità linguistiche in cinese,  tigrigna, in farsi o in urdu.
Ho tenuto quattro laboratori sulla storia e le tradizioni dell’Alto Adige durante un German Sixth Form Day; quest’ultimo progetto era di respiro regionale e si rivolgeva a tutti i maturandi in Tedesco dello Yorkshire.
Nel tempo libero prendevo attivamente parte alla vita scolastica: cantavo nel coro e partecipavo al concerto di fine anno, andavo a vedere gli spettacoli teatrali degli studenti e assistevo a importanti feste come il Capodanno cinese tenuto in presenza del Sindaco e del rappresentante della Regina. La comunità cinese annovera ben 200 alunni in una scuola a sé stante negli edifici della King Edward.
Durante la settimana libera ho potuto – grazie alla professoressa Simons – assistere a lezioni di letteratura inglese presso l’Università di Sheffield, fare da assistente ai lettori di Tedesco e di Italiano e tenere due presentazioni su storia, plurilinguismo e politica linguistica dell’Alto Adige presso il Dipartimento di Multiculturalismo e di Tedesco.
Alla sera e durante i fine settimana frequentavo musei, gallerie d’arte, spettacoli teatrali, cinema e concerti – spesso in compagnia delle mie due tutrici.
Un fine settimana l’ho trascorso a Cambridge dove sono andata a trovare Charlotte, il mio “gancio”, grazie alla quale ho avuto l’opportunità di una visita “dietro le quinte” in un prestigioso College, visita normalmente non concessa ad estranei.

Feedback
Le riflessioni e le conclusioni tratte da questa straordinaria esperienza sono state in tempo reale condivise tramite il mio blog con amici e con i colleghi del dipartimento di lingue presso il mio istituto, sul sito web della scuola e in una rivista per insegnanti presente in tutte le scuole dell’Alto Adige;  seguirà una mia presentazione presso l’Università di Bolzano in autunno.
Oltre ad avere instaurato un rapporto di amicizia con varie colleghe e in particolare con le mie due tutrici, con le quali sono ancora in stretto contatto email, ho l’immensa soddisfazione che alcuni studenti della King Edward e dell’Università di Sheffield, ispirati dalle mie lezioni, hanno scritto delle tesine di ricerca sul linguistic landscape dell’Alto Adige.
Un vero e proprio scambio culturale – nel vero spirito Comenius!







Claudia Pellegrini, docente di inglese al Liceo delle Scienze umane, classico, linguistico e artistico di Merano.