Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN AZIONE

Trasversale
La Dimensione Europea dell'Educazione - Alla scoperta dei sistemi educativi europei


La visita Arion dal tema “La dimensione europea dell’educazione “ è inserita nel percorso di ricerca della progettazione europea portata avanti dall’IRRE Sicilia che ha proposto la sua candidatura come sede della visita e ne ha predisposto l’organizzazione istituzionale e sociale
 

Rendere gli individui consapevoli delle loro radici storiche e del dovere di avere dei punti in comune finalizzati ad azioni future è stato uno degli obiettivi dell'istruzione storico-politica in Europa. L'istruzione non è stata fra i primi obiettivi da perseguire da parte delle istituzioni europee. Altri settori erano considerati più "importanti”, come l'economia per l'Unione Europea o i diritti umani per il Consiglio d'Europa. Adesso le cose stanno cambiando. Il programma Socrates prima e il Programma di Apprendimento Permanente (LLP) hanno adesso come obiettivo primario quello di promuovere la dimensione europea dell'educazione .

Quando ho proposto l' IRRE Sicilia come sede ufficiale di una visita Arion ho scelto il tema della dimensione europea dell'educazione perché in una realtà come quella siciliana e palermitana in particolare, dove, nella maggior parte dei quartieri periferici i bambini ancora dicono :” Vado a Palermo a comprare le scarpe” come se vivessero in un'altra città, essere capaci di trasmettere il senso di una cittadinanza europea, dovrebbe essere il primo compito di tutti gli ordini di scuola.

Dal 7 all’11 maggio 2007 quindi l’ IRRE, Istituto Regionale di Ricerca Educativa della Sicilia , nell’ambito della progettazione europea, ha ospitato una visita di studio europea ARION [1] all’interno del programma dell’Unione Europea Socrates [2]. La visita ha avuto come partecipanti alti funzionari dei Ministeri della Pubblica Istruzione e della Cultura, ispettori, presidi, docenti con funzioni speciali, di vari paesi appartenenti all’Unione Europea.

Gli obiettivi della visita Arion sono stati :

  • migliorare la qualità e l’efficacia dell’istruzione e formazione nell’unione europea, essendo sempre più evidente la crescente integrazione fra dimensione europea e dimensione nazionale;

  • far conoscere un’altra cultura come veicolo di educazione ;

  • migliorare e promuovere il concetto europeo di educazione nel territorio, rispettandole esperienze locali, le diversità e riconoscendo le altre culture;

  • favorire il tema della cittadinanza europea, vista come consapevolezza dell’appartenenza alla dimensione locale, nazione ed europea;

  • costruire relazioni che favoriscano la cooperazione, sostengano i progetti scolastici e contribuiscano a rinforzare l’educazione europea e creare il cittadino europeo.

In particolare lo scopo della visita è stato quello di presentare le esperienze fatte nel campo dell’educazione europea dai vari ordini di scuola della nostra città, per poter paragonare le esperienze locali in merito alla dimensione europea dell'educazione nonché il sistema scolastico italiano con quelli di altre realtà europee. La visita Arion a Palermo ha mostrato agli addetti del mondo della scuola e ai partecipanti stranieri come, nel nostro sistema educativo, viene insegnata l'Europa. Avere un'educazione europea non significa solamente conoscere e la storia e la geografia dell'Europa ma essere pronti a chiedersi come la gente, come i paesi erano legati in passato e come lo sono adesso. Gli insegnanti dovrebbero insegnare un metodo di studio europeo, non solo contenuti. Pensare in modo europeo significa sviluppare punti comuni nella comunicazione, negli scambi culturali, nel commercio nella vita intellettuale.

Annaliese Koller, funzione strumentale, Austria - Frédéric Bloemers, Ispettore, Belgio - Anna Cramer, Ispettore, Germania - Santiago Mateu Blasco, Advisor, Spagna - Rafael Garcia, Vicepreside, Spagna - Deidre Vigrass, Ministero, UK - Anita Kremo, Ministero, Ungheria - Gerben De Vries, Docente univ. Olanda - Josie Schokkenbroek, Docente univ. Olanda - Anna Christina Botan, Docente univ. - Romania - Simona Craciun, Ispettore, Romania - Yvonne Hason Tapper, Docente univ. Svezia - Zeki Tezcan, Vicepreside, Turchia - Cokhan Sengun, psciolog/psicopedagogista, Turchia - Elena Trincanato, organizzatrice vista Arion - ItaliaLa presenza di 16 partecipanti di elevato spessore culturale, provenienti da varie parti dell’Unione Europea e dalla Turchia, ha rappresentato un momento importante non solo per la scuola siciliana e palermitana in particolare, ma anche per la valenza turistica che la visita Arion ha comportato.


Ecco un piccolo estratto delle considerazioni del "dopo vista" preso dal Group Report a cura dei partecipanti, pubblicato insieme agli atti del convegno:

Palermo demonstrates great involvement in EU projects and makes effective use of EU funds. There is a strong awareness of Sicilian identity within a European identity. Italian identity was not as evident.

Quote from pupil in a secondary school:

'We want to be in Europe to be more Sicilian'
There is a strong partnership between the local authority and schools.
The European Dimension is integrated into the curriculum naturally - in a non-contrived way. There is a belief in Europe!
Schools are well-equipped to raise awareness of Europe and the EU's support forequipment is recognised.
Palermo sees itself in a unique position as a bridge between Africa and Europe - this adds momentum to projects.
Integration of disabled pupils means all pupils experience the European dimension. Environmental education within schools links with European dimension. Little evidence in streets of Palermo - hope for the future through education. Restoration projects within Palermo strengthen Sicilian identity and conserve heritage. A strong emphasis on the “community” of Europe and of the individual contexts of member states. Recognition of education as being the means of fulfilling a notion of a “European community”
Piercarlo Valtorta (chairman of European Centre for Human resources):
Therefore: “Think Globally, implement locally

Al fine di conoscere quello che le scuole e le università fanno per insegnare l'Europa a Palermo, i partecipanti Arion hanno incontrato i responsabili locali in termini di istruzione, hanno visitato le istituzioni che hanno sviluppato progetti europei pertinenti al tema della dimensione, come la Facoltà di Lettere e Filosofia, gli istituti alberghieri “Borsellino” e “Piazza,” l'Istituto Tecnico Industriale “Vittorio Emanuele III” di Palermo, la scuola Primaria Tesaurus di Ficarazzi, il Liceo Classico “F. Scaduto” di Bagheria e l 'Istituto Tecnico per il Commercio “Don Luigi Sturzo” di Bagheria. Per quanto riguarda la vita sociale e per sviluppare le rapporti di amicizia internazionale i partecipanti hanno preso parte ad un party di beneficenza organizzato dal Rotary Club “Teatro del Sole” e hanno vistato le più importanti attrazioni turistiche di Palermo.

Tutte le attività cui i partecipanti hanno preso parte, tutte le relazioni esposte dai vari relatori e il report finale dei partecipanti Arion sono stati descritti dettagliatamente in una pubblicazione, qui allegata:

/visite_studio/In_azione/arion.pdf "La dimensione europea dell'educazione".pdf  (332.73 KB) /visite_studio/In_azione/copertina_arion.pdf copertina.pdf  (44.85 KB)


 


Elena Trincanato  di Elena Trincanato, organizzatrice della Visita Arion, Irre Sicilia



[1] Oggi, nel Programma di Apprendimento Permanente dell’Unione Europea la visita Arion ha cambiato nome ma al momento della presentazione della candidatura come sede della visita (dicembre 2005) e dell’ organizzazione della stessa (maggio 2007)aveva ancora il nome di “visita Arion”.
[2] Oggi LLP(Programma di Apprendimento Permanente)