Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN AZIONE

Erasmus
SOUL: Sistema di Orientamento al Lavoro



SOUL ha trovato un modo per accordare le esigenze delle imprese e quelle dei giovani aspiranti lavoratori! Ce ne parla il professor Pietro Lucisano nella nostra intervista...
 

soul_pubblicita.JPG

1) Un servizio di orientamento al lavoro gratuito per studenti e neolaureati! Come nasce l'idea? E come si finanzia?
Ci siamo chiesti se era possibile fare qualcosa di utile ed intelligente con poche risorse e molto impegno stravolgendo logiche che sembravano essere ineludibili.
E’ nato così alla Sapienza il progetto BLUS (Borsa Lavoro Università Sapienza). Un luogo di ricerca del giusto accordo tra l’esperienza di formazione e le esigenze del mondo del lavoro. La costante ricerca di dialogo e collaborazione ci ha permesso, insieme a Roma Tre, di partecipare e vincere un bando sul placement universitario promosso dalla Regione Lazio. Grazie a queste risorse strategiche abbiamo progettato, insieme al CASPUR "Consorzio Interuniversitario per le Applicazioni di Supercalcolo per Università e Ricerca ", una nuova piattaforma informatica (www.jobsoul.it), ed abbiamo coinvolto anche le altre due università statali di Roma (Tor Vergata e Foro Italico).
Così il 3 luglio 2008 abbiamo spento BLUS e acceso SOUL, il nuovo sistema di placement con un bacino potenziale di oltre 200.000 studenti  ed oltre 30.000 laureati l'anno.
2) Perché passare da BLUS a SOUL? Qual è il valore aggiunto di SOUL?
BLUS, oltre a configurarsi come uno strumento del sistema pubblico di politiche attive del lavoro, ha creato le condizioni per una collaborazione con altri soggetti pubblici e privati, ed è stata proprio questa voglia di lavorare insieme, uno dei motori della nascita di SOUL.
Blus ha trasferito a SOUL un forte bagaglio di esperienza, una metodologia di lavoro, un proficuo start-up e una grande quantità di utenti attivi: 500 aziende e più di 8.000 tra studenti e laureati.
Dal mese di luglio 2008, data di avvio del nuovo portale JobSOUL circa 47106 visitatori unici hanno utilizzato il portale. Attualmente in SOUL, oltre 1000 aziende registrate, più di 18.000 studenti e laureati iscritti, con circa 15.000 curricula inseriti.
3) C’è un nesso tra la scelta di adottare SOUL come nome del consorzio e il suo significato in lingua inglese?
Soul ricorda un sound, una musica, un’armonia. Il messaggio è “accordare” le esigenze delle imprese e quelle dei giovani neolaureati aspiranti lavoratori.

Soul_stand.JPG

4) Quali sono le iniziative principali di SOUL?
Le risorse della Regione Lazio ci hanno aiutato ad attivare nuovi servizi e nuovi contatti: il servizio di couseling professionale alla Sapienza e a Roma Tre, i tavoli di confronto con le forze sociali, imprenditoriali, ordini professionali e terzo settore, il Progetto Europlacement a cui partecipano le università di 10 paesi europei, la collaborazione con i Centri per l'Impiego attraverso una sinergia che consente loro di utilizzare il portale SOUL pubblicando le offerte di lavoro. Procede anche lo sviluppo del sistema tecnologico  per migliorare i servizi in rete: l'algoritmo di prossimità passa dal prototipo analogico a un nuovo modello basato su reti neurali con il quale si avvia un sistema di ricerca sempre più in grado di aiutare la persona giusta a trovare il posto giusto.
Il 4 novembre 2008 è iniziata la sperimentazione della nuova piattaforma di gestione dei tirocini che consentirà alle quattro università di coordinare i servizi per i tirocini, di semplificare la gestione per le facoltà e per le aziende e di realizzare in tempo reale le comunicazioni obbligatorie.
5) Come interagiscono le aziende?
Con l’obiettivo di realizzare maggiori opportunità di relazione fra il mondo della produzione e quello della formazione, SOUL si rivolge ad aziende, enti pubblici, fondazioni, onlus, cooperative, associazioni e studi professionali per rispondere ad esigenze specifiche di recruiting, ma è qualcosa di più rispetto a un collegamento efficace fra chi domanda e chi offre lavoro. Attraverso SOUL le aziende possono entrare in relazione più stretta con le università avendo una via d’accesso privilegiata con talenti, competenze e professionalità. SOUL organizza spesso, per conto delle imprese, incontri di presentazione aziendali e contributi di testimonial privilegiati. Tali occasioni sono estremamente importanti per gli studenti, che hanno la possibilità di ascoltare, in prima persona, il contesto in cui l’azienda opera, quali sono gli ambienti di lavoro e quali i percorsi di inserimento professionale.
6) Potrebbe descriverci  i servizi offerti agli studenti?
La piattaforma SOUL offre una serie di servizi online agli utenti (inserimento ed aggiornamento curricula, gestione delle proprie candidature, utilizzo dell'indice di prossimità) ma il valore del sistema di placement risiede anche nel rapporto personale e umano che si stabilisce tra operatori ed utenti, che si rivela sempre un concreto supporto di orientamento per l'inserimento professionale dei giovani laureati. Per questo motivo SOUL prevede attività realizzate “in presenza”. In particolare, gli utenti possono usufruire di consulenze specifiche di un team di psicologi del lavoro per la stesura di profili individuali e piani di sviluppo professionali, di consulenti BIC (Business Innovation Centre) Lazio per la promozione e lo sviluppo dell'autoimprenditorialità, di personale formato dalle Organizzazioni Sindacali (CGIL,CISL e UIL) per un supporto in materia di contratti e diritti specifici degli studenti lavoratori. Ed infine, in ogni facoltà sono presenti operatori di orientamento al lavoro per una prima accoglienza e informazione sul sistema SOUL e disponibili per colloqui di orientamento.

Soul_lezoni_aperto.JPG

7) Erasmus placement e SOUL: potrebbe dirci come gli stages Erasmus e SOUL si incontrano (se già si incontrano) e quali sono le formule di integrazione adottate (o previste) dai servizi di SOUL?
SOUL, attraverso il progetto “Europlacement”, ha posto le basi per la creazione di un network fra gli uffici placement e orientamento al lavoro dei principali atenei europei, allo scopo di garantire un continuo scambio di best practices e permettere la mobilità degli studenti e laureati europei. L’obiettivo del progetto “Europlacement” è quello di permettere ad uno studente di un paese europeo di conoscere le offerte di lavoro e di tirocinio presenti negli altri paesi dell’Unione Europea e di accedere alle opportunità di occupazione e di stage.
SOUL opera  nella prospettiva di una visione integrata della costruzione della conoscenza e del lavoro, ed è proprio questo, l'indirizzo che stiamo seguendo per ampliare e migliorare il servizio offerto.

A cura di Simona Aceto e Alessia Ricci