Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IL TEMA IN DISCUSSIONE

LLP
Il ruolo dell'arte in un'economia della conoscenza parte II


Pubblichiamo la seconda parte dell'intervento l'intervento di Giuseppe Furlanis, Presidente del Consiglio Nazionale dell'Alta Formazione Artistica e Musicale, presentato al convegno fiorentino "Ordinarie Soluzioni Creative nella formazione ed oltre.... l'innovazione attraverso i programmi europei", dello scorso ottobre, un'ispirata indagine sul ruolo dell'arte nell'attuale congiuntura, tra timori e disillusioni da un lato e uno slancio creativo permeato da una tensione ideale, visto non tanto come l'estemporanea espressione di un genio isolato, ma come prodotto culturale della collettività...
 

Pubblichiamo qui la seconda parte dell'intervento di Giuseppe Furlanis, Presidente del Consiglio Nazionale dell'Alta Formazione Artistica e Musicale, Miur, sul tema:

creativity100.jpg2009 Anno Europeo della Creatività
- vai al sito europeo Create 2009
- vai al sito italiano Creatività 2009

presentato in occasione del Festival della creatività Firenze, 24 Ottobre 2009, al convegno "Ordinarie Soluzioni Creative nella formazione ed oltre.... l'innovazione attraverso i programmi europei" dal titolo:

Il ruolo dell'arte in un'economia della conoscenza
Scarica il  /Tema/2009_Anno_Creatività.doc  Testo integrale dellintervento  76.50 KB 
Scarica la /Tema/2009_anno_creatività.pdf Presentazione  2.08 MB 


Vai alla prima parte dell'intervento: Prologo, Scena Prima, Scena Seconda

Scena terza - La consapevolezza
Per uno sviluppo sostenibile

Quello che mi scandalizza non sono i ricchi e i poveri. È lo spreco!
Madre Teresa di Calcutta.

Creativity4.jpg

Sostenere il valore positivo della "decrescita", in un momento in cui imperversa l'incubo della recessione, può apparire una provocazione. Ma così non è perché ormai da tempo si è pienamente consapevoli di quanto sia insostenibile una crescita infinita dell'economia in un pianeta in cui le risorse naturali sono sempre più scarse e degradate. Altrettanto insostenibile è una continua espansione demografica, soprattutto nei paesi più poveri, che rischia di travolgere ogni equilibrio sociale oltre ad accrescere i problemi connessi all'ambiente, alle risorse alimentari e idriche.

Va sottolineato che il termine decrescita, sempre più usato da studiosi di economia e recentemente soprattutto dal sociologo francese Serge Latouche, non è simmetrico di crescita, non è visto come una forma di regressione dell'economia, quanto come un modello diverso di sviluppo che sappia modificare la concezione stessa di qualità della vita, dei suoi valori e significati. Non si può non condividere l'impegno di coloro che sono a favore di un modello economico capace di mettere in discussione quella diffusa tendenza allo spreco degli alimenti e delle risorse - tendenza questa che è cresciuta in modo esponenziale nelle società del cosiddetto capitalismo avanzato - a fronte di 40 milioni di persone che ogni anno muoiono di fame. L'orientamento verso la decrescita è indispensabile non solo per favorire una maggior equità sociale ma anche per intervenire sul progressivo degrado ambientale e quindi per dare risposte adeguate all'articolata problematica ecologica che richiede incisivi cambiamenti nella cultura e nei processi industriali, nonché nelle prassi quotidiane. Proprio in questa prospettiva Serge Latouche interpreta la decrescita come un'occasione per restituire spazio alla creatività e alla fecondità di un sistema economico dominato, usando le sue parole, dal "totalitarismo dell'economicismo".

È evidente che il sistema produttivo e quello del consumo di una società che fa dell'ecologismo il suo valore centrale saranno profondamente diversi da quelli che abbiamo conosciuto sino ad ora. Quindi per la "creatività" si aprono importanti opportunità! La scommessa è che si può vivere meglio consumando meno e producendo con maggior qualità. In questo senso la creatività e l'innovazione non hanno solo il fine di proporre nuovi oggetti, quanto un compito pedagogico molto più ampio che si esplica nella loro capacità di proporre nuovi e sostenibili modelli di vita. Architetti, ingegneri, designer, creativi in genere, devono considerare come principale valore la sostenibilità, quindi il basso impatto ambientale delle loro proposte siano esse riferite ad un oggetto, ad una architettura o ad un sistema urbano; ma soprattutto dovranno essere in grado di determinare condizioni che favoriscano una generale sostenibilità.

Ne consegue una creatività che sappia esercitarsi sui servizi e sui sistemi oltre che sulle merci e proporre nuovi scenari socio-culturali. Va sostenuta una progettazione orientata a promuovere forme di consumo tecnologicamente evolute, ecologicamente sostenibili, socialmente accettabili e culturalmente attraenti. Per raggiungere tali obiettivi è indispensabile privilegiare la qualità rispetto alla quantità, favorire l'utilizzo del bene anziché il suo consumo, sostenere lo sviluppo dei servizi invece che il consumo delle merci. Ma più di ogni altra cosa è indispensabile un impegno a favore dell'utilizzo di energie naturali rinnovabili, la cui produzione abbia un basso impatto ambientale. Nel sostenere questi processi di produzione devono però essere attentamente considerati i riflessi che gli stessi processi esercitano su una dimensione geografica ed economica spesso molto ampia con ricadute non sempre positive. Un chiaro esempio di riflessi negativi di un intervento che è apparso a molti positivo e auspicabile, è la scelta di George W. Bush di incentivare la produzione di biocarburanti utilizzando il mais e la soia. La decisione di utilizzare questi prodotti naturali rinnovabili, in sostituzione del petrolio, ha determinato un immediato incremento dei costi dei cereali in tutto il mondo con gravissime ripercussioni soprattutto nei paesi più poveri. Non va poi trascurato l’impatto ambientale che tale scelta comporta in quanto richiede monocolture, intensive ed estensive, con un basso bilancio energetico (1 x 1,3), e una elevata necessità di acqua che è un bene sempre più prezioso. È quindi evidente che per la complessità dei fenomeni relativi allo sviluppo sostenibile, la creatività deve configurarsi sempre più come un sistema integrato di più competenze che a sua volta necessità di una politica in grado di comprendere l'ampiezza delle problematiche, e di orientare lo sviluppo sociale ed economico, sapendo coniugare la soluzione di problemi contingenti con l'obiettivo più generale di realizzare uno sviluppo realmente sostenibile e solidale.

Esercitare la creatività a favore di uno sviluppo sostenibile significa progettare e realizzare oggetti più durevoli e riciclabili, sostenere sistemi industriali a basso impatto ambientale, favorire il risparmio energetico e l'utilizzo di energie rinnovabili, privilegiare lo sviluppo di servizi "ecoefficienti", sostenere il trasporto pubblico anziché quello privato. Ma soprattutto è importante diffondere una cultura ecologica che sappia orientarsi verso nuovi e più sostenibili "stili di vita"; questo anche attraverso il sostegno a quelle iniziative spontanee di persone che si auto-organizzano per costituire gruppi di acquisto o di aiuto reciproco, adottare fattorie per sperimentare modalità di "filiera corta", attivare cooperazioni per l'assistenza agli anziani e costituire asili autogestiti, sino alle più diffuse esperienze di car sharing o di car pooling. Prototipi questi di un vivere sostenibile che rafforza le relazioni sociali, i principi di solidarietà e, non ultimo, un sentimento di appartenenza al "luogo" che è sicuramente funzionale alla tutela dell'ambiente.


Scena quarta - La tradizione
Per una identità molteplice.

Siamo come nani sulle spalle dei giganti.
Bernardo di Chartres

Creativity7.jpg

Rafforzare i sentimenti di appartenenza ai luoghi, oltre a favorire lo sviluppo di processi di socializzazione ed accrescere la sensibilità e la tutela nei confronti dell'ambiente, del paesaggio e del patrimonio artistico, permette di valorizzare quelle attività produttive tradizionali che si configurano come un'importante risorsa culturale del territorio. Ci sono infatti luoghi che nonostante le trasformazioni subite, hanno conservato un carattere identitario profondo, o meglio come lo ha definito Cristian Noberg-Schulz un “genius loci”, dove l’abitare esprime un forte senso di radicamento culturale. In questo processo d'identificazione con il luogo assumono particolare rilievo: la cultura materiale, le tradizioni alimentari, i saperi artigianali, le esperienze di utilizzo e valorizzazione del territorio. In questo senso la tradizione si configura come un prezioso giacimento su cui radicare l'innovazione "siamo nani sulle spalle di giganti".

In Italia, più che in ogni altro paese al mondo, troviamo una elevata presenza di mestieri artistici che, radicati nelle ricche tradizioni artigianali di specifici luoghi, hanno prodotto una stretta relazione tra lo sviluppo economico e l'identità culturale. Non possiamo, infatti, disgiungere l'immagine e l'identità culturale di Murano dalla produzione del vetro, così come l'immagine di Faenza dalla ceramica, oppure Carrara dalla lavorazione del marmo, o Cantù da quella del mobile e così via.  Questi sistemi locali, costituiti per lo più da piccole imprese orientate a specifiche tipologie di prodotti -definiti dagli economisti "Distretti industriali"- si sono configurati come il principale fattore di successo del "made in Italy".

Ogni forma di creatività che si ponga l'obiettivo di favorire processi di innovazione nel nostro paese, deve necessariamente confrontarsi con questa particolarità socioeconomica, assumendo la piena consapevolezza che, in questi sistemi locali, la cultura è radicata nell'esperienza delle tradizioni produttive e, quindi si esprime sempre attraverso una stretta relazione tra sapere, saper fare, saper essere. Non solo vanno tutelati questi saperi artigianali ma è indispensabile evitare che si disperda quel ricco patrimonio didattico-formativo costituito dagli Istituti d'Arte Applicata e Istituti tecnici che, orientati verso le produzioni tipiche del territorio, rappresentano una importante risorsa culturale ed economica; risorsa che con gravi responsabilità è troppo spesso trascurata, anche per la scarsa consapevolezza della sua effettiva importanza.

Dal punto di vista dei processi economici, va considerato che l’identità si pone come un requisito utile ad accrescere la visibilità dei prodotti nel mercato globale, in particolare in quei settori merceologici in cui la qualità e le componenti estetiche si presentano come i principali requisiti nel determinarne il successo commerciale. È utile pertanto, dal punto di vista delle strategie economiche, che siano rafforzati i caratteri di identità nelle produzioni dei diversi distretti, utilizzando l'identità come un importante fattore di valorizzazione delle qualità dei prodotti.

Sebbene attualmente i distretti industriali siano investiti da una crisi dovuta principalmente alle difficoltà che le piccole imprese incontrano nei processi di internazionalizzazione, rimane strategico per queste stesse imprese, e più in generale per l'economia italiana, puntare ancor più che in passato su prodotti con una forte identità in cui la qualità estetica si coniughi a quella esecutiva, e che evidenzino una particolare sensibilità nei confronti dei temi dell'ambiente e dell'ecologia. Bisogna quindi puntare ad un mercato che sia attento ai contenuti di qualità e aperto ad un consumo maggiormente "consapevole". A tale riguardo è opportuno rilevare che l'identità non è un valore scontato, la sua percezione e l'interpretazione dei suoi significati passano inevitabilmente attraverso azioni di riconoscimento. Per essere efficace, anche da un punto di vista commerciale, l'identità deve essere percepita come tale, deve saper riflettere un'insieme di valori nei quali l'acquirente si riconosce.

Essa diviene pertanto lo strumento di una personalizzazione dell'atto d'acquisto, non perché permette al consumatore di intervenire materialmente sul prodotto, ma perché rende possibile attraverso l'acquisto una sua proiezione simbolica. Ne consegue il compito per i creativi di promuovere, ponendo attenzione ai contenuti simbolici degli oggetti, una nuova e diversa estetica delle merci che sia in grado di orientare il mercato verso prodotti di qualità. Una progettazione che sappia individuare la sobrietà come valore delle cose e come espressione di una cultura del progetto in cui siano coniugati l'ethos, cioè la dimensione della qualità del "luogo" nella sua eccezione più ampia, all'ethikos che, nel suo significato di "teoria del vivere", è all'origine del concetto di etica, principio che da senso e valore alle scelte progettuali.  

    
Si è già messo in evidenza come l'identità non sia da intendere come un fattore immutabile perché essa è soggetta a continue forme di ibridazione soprattutto ora che, sia per effetto dei mezzi di comunicazione, sia dei processi di globalizzazione, le culture sono sottoposte ad un continuo processo di confronto. L'arte, la musica, il design, ci hanno insegnato che queste ibridazioni possono essere salutari per un aggiornamento delle stesse tradizioni, oltre a proporsi come fattori per lo sviluppo di nuovi linguaggi più attenti alla contemporaneità; così come è stato nel secolo scorso con il jazz che assemblava diverse culture musicali. Le stesse tradizioni alimentari sono spesso il risultato di continue forme di ibridazione e le cucine regionali nel nostro paese ne sono una chiara testimonianza. L'incontro con esperienze culturali diverse rappresenta per l'identità un fattore di ricchezza e di rinnovamento, evitando a questa - l'identità appunto - di rimanere ancorata ad una concezione nostalgica che ne decreterebbe l'estinzione.

Se esaminiamo i processi culturali più significativi nella storia dei paesi europei è facile verificare quanto in essi siano stati importanti l'incontro e l'interazione tra culture diverse; di conseguenza dobbiamo rilevare come proprio queste interazioni siano state, negli stessi processi, alla base dello sviluppo sociale, economico e culturale. Una condizione questa, che ci pone di fronte alla necessaria dialettica tra valorizzazione delle tradizioni e accettazione delle molteplicità culturali ed etniche come valore in una società contemporanea caratterizzata da continui flussi di persone, merci e informazioni. Non va infatti trascurato che in questa nostra epoca, caratterizzata da forti flussi migratori, favorire una "cultura dell'incontro" assume un particolare carattere etico-sociale ed è una condizione indispensabile per garantire una convivenza civile, evitando ogni forma di esclusione sociale. Con questo obiettivo è indispensabile che si sviluppino azioni politiche che, nella consapevolezza dei problemi e squilibri sociali che tali flussi migratori generano, e che richiedono capacità di programmazione, siano in grado di utilizzare gli stessi flussi migratori e i processi interculturali come una ricchezza e un patrimonio per uno sviluppo sia della cultura che dell'economia piuttosto che come una minaccia da inquadrare sempre nella logica dell’emergenza. Ne consegue l'obiettivo di favorire una tensione creativa, o meglio progettuale, che rafforzi i caratteri di identità ma che sappia orientare questi all'interno di una cultura dell'incontro e della molteplicità.


Scena quinta – L’arte
Per una dimensione etica della sensibilità estetica

Chi non vede la bellezza che va per sempre perduta non raggiunge il cuore dell'ingiustizia.
Luigi Zoja

Creativity8.jpg

Nel suo recente saggio "Giustizia e bellezza" Zoja mette in evidenza lo stretto legame che unisce l'estetica all'etica e le responsabilità morali che ognuno di noi deve assumersi di fronte al crescente degrado del patrimonio artistico e dell'ambiente naturale. Al tempo stesso egli ci indica un possibile percorso per superare questo stato delle cose; un percorso che trova proprio nella sensibilità estetica il suo principale valore: "Solo se abbiamo esperienza della bellezza possiamo comprendere a fondo le catastrofi dell'ingiustizia moderna".

Per tutelare le bellezze del paesaggio, per salvaguardare la ricchezza e la varietà biologica, per evitare il degrado dell'ambiente culturale e dei beni artistici, è indispensabile assumere la piena consapevolezza di quanto questi aspetti rappresentino il vero patrimonio dell’umanità. In questo senso l'arte assume un ruolo rilevante perché essa è la più chiara testimonianza di come la dimensione etica, con il suo portato di valori simbolici, diviene questione centrale dell'esperienza umana. L'arte ha rinunciato ormai da tempo a rappresentare il naturale per essere - usando le parole di Heidegger - "messa in opera della verità". In questo senso l'opera d'arte non si pone l'obiettivo primario di rivelare la bellezza come espressione di “canoni” e di regole, ma persegue il fine di di svelare gli accadimenti, di generare orizzonti di senso. L'opera d'arte contemporanea, con le sue acide provocazioni, definisce una rinnovata idea del "sacro"; essa ci obbliga a confronti che vorremmo eludere e, soprattutto, rende evidente l'indebolimento della nostra sensibilità. In tal senso la bellezza assume rilievo morale ancor prima che pregnanza formale.

Joseph Beyus attraverso l'azione di piantare a Kassel 7000 querce, ci pone dinanzi ad un gesto antico ma essenziale per il futuro dell'umanità. Un'azione la sua che si configura come "inizio simbolico" di un processo di salvaguardia della natura che deve crescere e diffondersi perché l'uomo, che è stato costretto per secoli ad utilizzare la propria creatività per difendersi dalla aggressività degli eventi naturali, climatici, atmosferici, ora deve saper utilizzare efficacemente la sua creatività per difendere la natura, perché in essa risiedono le condizioni della propria esistenza. In questo senso l'azione di "arte povera" di Beyus esprime una dimensione spirituale profonda che da valore alla vita come prodotto delle scelte che l'uomo è in grado di fare e che, con assunzione di responsabilità morale, devono saper andare al di là del contingente.

L'arte rappresenta pertanto un valore essenziale per lo sviluppo di una "economia della conoscenza" e la formazione artistica assume una rinnovata importanza perché, più di quanto avviene in altri ambiti e attraverso altre forme del sapere, è in grado di relazionare la dimensione materiale con quella simbolica ed accrescere la sensibilità nei confronti dell'ambiente naturale ed artificiale.

Tornando alla dimensione più "materialistica" dell'economia, è importante rilevare  la capacità che è attribuita all'industria italiana di realizzare prodotti con una elevata qualità estetica; infatti nel design, nella moda, nell'arredamento, sono i prodotti italiani che determinano le tendenze del gusto. L'arte, quindi, intesa nella sua più estesa accezione di attività di produzione estetica, rappresenta sicuramente il più importante fattore di successo del "made in Italy". Questo successo internazionale dei prodotti italiani, in cui il contenuto formale rappresenta il loro principale fattore di competitività, ha accresciuto ancor più l'immagine dell'Italia quale luogo dell'arte e della creatività. Non a caso la presenza di studenti stranieri nelle scuole italiane di indirizzo artistico - Accademie e Conservatori- è in percentuale di gran lunga superiore rispetto a quella che si registra nei diversi indirizzi universitari, e testimonia efficacemente la percezione dell'Italia quale importante centro per la formazione artistica. Proprio per questo chiaro evidenziarsi dell’arte come risorsa culturale e fattore di sviluppo per il nostro paese, sarebbe indispensabile una maggior attenzione al ruolo delle istituzioni artistiche che viceversa è quasi del tutto assente.

Altrettanto importante è la salvaguardia dell'inestimabile patrimonio artistico e paesaggistico che possiede il nostro paese; patrimonio che è al tempo stesso una importante risorsa economica ma anche un bene culturale per l'umanità da tutelare e valorizzare. In un'intervista non recente ma tuttora attuale Ernest Gombric ha messo chiaramente in evidenza come "l'insegnamento dell'arte e quello della storia dell'arte, fondamentali in ogni paese, assumono una particolare rilevanza in Italia, per la presenza in questo paese di un patrimonio artistico di inestimabile valore che richiede una adeguata tutela e che, se opportunamente valorizzato, si configura come una significativa risorsa economica".

Alcuni anni fa al termine di una mia conferenza sul design italiano una artista francese mi chiese come mai gli italiani che sono così attenti ai contenuti estetico-formali dei prodotti di moda e di design sono del tutto insensibili al degrado, che essi stessi determinano, delle loro città d'arte e del loro paesaggio? Una domanda imbarazzante, ma non priva di ragioni, che dimostra efficacemente quanto sia indispensabile accrescere la dimensione etica in ogni forma di sensibilità estetica.

Per questo motivo è opportuno che la partecipazione delle Istituzioni dell'Alta Formazione Artistica e Musicale all'Anno Europeo della Creatività sia orientata verso la valorizzare di quelle iniziative che hanno quale loro principale obiettivo lo sviluppo di una sensibilità estetica e di una creatività socialmente utili. Sono diverse le iniziative che Accademie, Conservatori e ISIA hanno attivato in tal senso. Di particolare interesse sono le collaborazione tra istituti di diversi paesi che permettono agli stessi di operare congiuntamente, attraverso il contributo offerto dalle nuove tecnologie della comunicazione, su tematiche di particolare interesse e attualità, condividendo un comune impegno sociale. Tra le collaborazioni più recenti "NetMed", una "rete" tra le istituzioni artistiche del Mediterraneo, avviata all'interno di un progetto europeo volto a favorire le "pari opportunità" e di sostegno allo sviluppo di processi interculturali. Proprio al tema dell'intercultura è dedicato il prossimo numero della pubblicazione semestrale dell'Alta Formazione Artistica e Musicale "HiArt". Attraverso il contributo di artisti, storici, antropologi, sociologi, designer, HiArt intende mettere in evidenza come l'arte sia lo strumento più efficace che abbiamo a disposizione per favorire uno sviluppo  della cultura in cui si coniughino sensibilità estetica e dimensione etica in un contesto interculturale.  


Epilogo - La speranza
Per una creatività responsabile e fiduciosa

 
Non c'è progresso senza felicità.
Padre Frei Betto

Creativity9.jpg

"Non c'è progresso senza felicità" è il titolo di un piccolo ma incisivo saggio, scritto da Domenico De Masi e da padre Frei Betto.  I due autori interpretano la felicità non come evasione dai problemi del mondo ma, al contrario, come positiva tensione nei confronti di un mondo diverso, più solidale nelle relazioni sociali, più equilibrato nel rapporto tra paesi ricchi e paesi poveri, più rispettoso dell'ambiente e delle risorse naturali. La felicità è infatti indispensabile a tutti noi, ma soprattutto ai giovani, per guardare al futuro con fiducia e con passione e mantenere nel loro orizzonte una prospettiva ideale che dia un senso alle loro scelte.

Convinto che questo spirito positivo sia una condizione indispensabile per dare vero vigore alla creatività -che è l'oggetto di questo nostro incontro- concludo il mio intervento dedicando ai giovani presenti una citazione; è tratta da "Lezioni americane" di Italo Calvino il quale, dovendo fare un augurio ai giovani in occasione dell'arrivo del nuovo millennio ha scelto "l'agile salto improvviso del poeta-filosofo che si solleva sulla pesantezza del mondo, dimostrando che la sua gravità contiene il segreto della leggerezza, mentre quella che molti credono essere la vitalità dei tempi, rumorosa, aggressiva, scalpitante e rombante, appartiene al regno della morte, come un cimitero di auto arrugginite". Auguro a tutti i giovani di sapersi alzare, come il poeta di Calvino, dalla pesantezza del mondo, per avere un orizzonte più ampio e quindi orientare la loro creatività verso l'edificazione di un futuro migliore. Utilizzo come diapositiva di sfondo a questo augurio, e conclusiva di questo mio intervento, l'accostamento di due immagini che ritengo siano di buon auspicio per un futuro migliore. A sinistra un'immagine del giorno 11 Novembre 1989, Mstislan Rostropovich suona con il suo violocello Bach dinanzi al muro di Berlino mentre viene abbattuto, sulla destra l'orchestra della pace di Daniel Baremboim, o meglio la "west-Eastern Divan Orchestra" composta da giovani musicisti israeliani e palestinesi, giovani di due popoli tra loro in guerra.  Ho scelto queste due immagini per evidenziare come l'arte e la musica sanno unire ciò che spesso la politica e l'economia dividono, e soprattutto per mettere in evidenza il ruolo della cultura che, nella sua accezione più elevata e nobile del termine, è il principale strumento a nostra disposizione per costruire un futuro migliore.

Vi ringrazio per l'attenzione!

Editing a cura di Lorenza Venturi