Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

IN AZIONE

LLP
La creatività fa muovere l’Europa!


In data 2 e 3 marzo, la Commissione europea ha organizzato un’importante conferenza per promuovere i progetti europei più significativi per creatività e innovazione e per illustrare come le esperienze e i risultati di tali progetti possano essere condivisi a vantaggio di tutti.
 
Il 2 e 3 marzo si è svolta a Bruxelles la conferenza “Creativity and Innovation - Best practices from EU programmes”. La conferenza è stata accompagnata da una mostra sui risultati di 20 progetti particolarmente significativi provenienti da tutta Europa e scelti tra i numerosi programmi d’azione dell’Unione Europea in materia di apprendimento permanente, politiche a favore dei giovani, cultura, cittadinanza e altri settori correlati, quali, ad esempio, l’impresa, la ricerca, la società dell’informazione.
I progetti sono stati scelti per la loro carica creativa e innovativa, in linea con il tema del 2009 Anno europeo della Creatività e dell’Innovazione.

L’azione a favore della creatività e della capacità di innovazione, intese come competenze personali e sociali da coltivare durante tutto l’arco della vita, rientra infatti tra gli obiettivi principali del programma di lavoro “Istruzione e formazione 2010", sebbene anche i programmi e le politiche appartenenti ad altri campi d’azione contribuiscano parimenti alla promozione della creatività. I programmi comunitari consentono inoltre di scambiare esperienze e buone pratiche a livello europeo favorendo la trasmissione e la trasferibilità dei risultati a vantaggio degli altri.

Proprio allo scopo di garantire l’impatto delle esperienze acquisite tramite i progetti europei anche dopo la scadenza del sostegno finanziario iniziale, la Commissione Europea ha presentato in occasione della conferenza una nuova pubblicazione che promuove ulteriori pratiche esemplari risultanti dai programmi comunitari.
Tra i 35 progetti presentati nella pubblicazione, ben 16 vedono la partecipazione dell’Italia, nel ruolo di partner o coordinatore, dimostrando l’interesse e l’impegno del nostro paese verso le politiche e i programmi europei.

Alcuni dei progetti scelti nell’ambito del Lifelong Learning Programme

Effective teaching and learning for minority-language children in pre-school, Programma: Comenius, Paesi partner: Paesi Bassi, Ungheria, Estonia, Slovacchia, Italia

stepbystep.jpgL’educazione è il primo passo per assicurare ai bambini provenienti da comunità linguistiche minoritarie una buona integrazione nella società, se i bambini diventeranno cittadini positivi e produttivi questo sarà un beneficio non solo per loro, ma anche per l’intera società che li accoglie. Questo progetto Comenius nasce proprio per aiutare i bambini che vivono in un paese diverso da quello d’origine, supportandoli nell’apprendimento di una nuova lingua e nel percorso di integrazione scolastica.

E ora? Il progetto ha messo a punto un’insieme di strumenti e materiali appropriati (tra cui un corso di formazione per insegnanti) per far fronte a questa realtà. Le attività proposte danno grande importanza alla lingua madre e alla cultura originaria, combinandole con l’effettivo apprendimento della lingua nazionale come seconda lingua.

Visita il sito del progetto

euromachs2.jpgEuropean Heritage, Digital Media and the Information Society: a European master Programme, Programma: Erasmus CD, Paesi Partner: Portogallo, Germania, Finlandia, Italia

Un consorzio formato da tre Università Europee ha promosso EuroMACHS, un Master europeo finalizzato a formare particolari competenze in grado di applicare i più aggiornati strumenti e modelli di informazione e comunicazione (Multimedia Technologies) alla conoscenza e valorizzazione del patrimonio culturale europeo. Il Master ha durata biennale e prevede la mobilità degli studenti e dei docenti presso le istituzioni partner.

E ora? Presso le Università partner (Atenei di Coimbra, Lecce, Colinia e Turku) l’iniziativa è diventata programma di studio post laurea per offrire nuove opportunità alla formazione umanistica con il riconoscimento di un titolo congiunto europeo.

Visita il sito del progetto
Ulteriori informazioni nel sito dell’Università del Salento (partner italiana)

Cre’Actor: Interactive Network formation firm creation by non qualified young people, Programma: Leonardo da Vinci, Paesi partner: Francia, Spagna, Italia, Svizzera, Polonia
creactor.jpg
Creatività e spirito di iniziativa sono caratteristiche necessarie per chi sceglie di avviare un'attività in proprio. Ma non basta, per trasformare l’idea in realtà è necessario valutare i rischi, conoscere i regolamenti, far fronte agli obblighi amministrativi e fiscali.  Il progetto, durato 3 anni, ha permesso la creazione di 10 imprese offrendo ai giovani imprenditori un qualificato sistema di supporto durante tutto il percorso di creazione dell’impresa.

E ora? Il progetto ha permesso la creazione di reti nazionali in ogni paese partner con servizi di orientamento per aspiranti imprenditori e la creazione di una metodologia di accompagnamento personalizzata per aiutare i giovani a realizzare i loro progetti.

Visita il sito del progetto

06_Leather.jpgAlternative jobs using creativeness, Programma: Grundtvig, Paesi partners : Italia, Germania, Lituania, Spagna, Svezia

Conoscere il proprio e l’altrui artigianato locale per imparare nuove abilità e scoprire analogie e differenze tra le diverse culture. Durante il progetto della durata di tre anni gli studenti hanno studiato la cultura e le origini del proprio artigianato locale, in seguito scelto uno workshop per apprendere a creare i prodotti e gli oggetti secondo le diverse tecniche artigianali dei paesi partecipanti.

E ora? La dimensione internazionale del progetto ha permesso la mobilità degli studenti e dei professori verso le istituzioni partner dando vita a future collaborazioni.

Visita il sito del progetto

SPICES-Social Promotion of Intercultural Communication Expertise and spices2.jpgSkills, Programma: Grundtvig, Paesi partners : Italia, Germania, Malta, Bulgaria, Slovenia, Spagna

La crescente mobilità intra ed spiceslogo.jpgextraeuropea, incoraggiata dalle politiche comunitarie, ha già portato e porterà l'Europa ad assumere una dimensione sempre più multiculturale, alla quale non tutti  i suoi cittadini sono adeguatamente preparati. Obiettivo del progetto, coordinato dal Dipartimento di Scienze Umane e della Formazione dell’Università degli studi di Perugia, è quello di superare queste difficoltà, promuovendo conoscenze, esperienze e abilità in comunicazione interculturale.

E ora? In linea con l’obbiettivo finale del progetto sono stati attivati corsi di formazione inerenti la metodologia sviluppata nell’ambito del progetto stesso. I corsi prevedono strumenti innovativi di apprendimento e insegnamento per insegnare la comunicazione interculturale e favorire in Europa una comunicazione senza barriere culturali.

Visita il sito del progetto

Per saperne di più:
Commissione Europea: Creativity and Innovation conference and exhibition
Commissione Europea: European Year of Creativity and Innovation 2009
Pubblicazione contenente 35 progetti esemplari: Creativity and Innovation. Best practices from EU programmes

Approfondimenti sull’Anno europeo della creatività e dell’innovazione:
/in_azione/propostaEY2009.pdf Proposta di decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa all'Anno europeo della creatività e dell'innovazione (2009) .pdf  (34.70 KB)
/in_azione/decisioneEY2009.pdf Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa all'Anno europeo della creatività e l'innovazione (2009).pdf  (46.03 KB)

                           
di Martina Blasi
Unità Comunicazione Agenzia LLP