homepage concorso Dimmi di Grundtvig
<<  torna indietro

 
 
 
 
 
racconto
Karlino, 2009

Non prendevo un aereo da oltre trent’anni. L’ultimo volo l’avevo fatto per andare in Grecia. Eppure questa volta dovevo tornare a volare, sì, dovevo proprio andare. Sentivo che il viaggio in Polonia era l’ultima occasione per tornare su un aereo…
Il progetto che mi era stato proposto, un mese di volontariato in quel Paese, mi interessava, tanto più che si trattava di operare con ragazzi orfani o con problemi famigliari alle spalle..

Novembre 2009, Karlino, piccolo paese (9.000 abitanti) a pochi km da Koszalin città capoluogo della Pomorania.

Il Villaggio S.O.S (Kinderdorfer) ospita circa 70 ragazzi di età compresa trai 4 e i 16 anni che vivono in villette di nuova costruzione attrezzate sullo stile delle case-famiglia per gruppi di 4 o 5 bambini. Di loro si occupano persone o coniugi qualificati, che li seguono come se fossero loro figli, al punto che, in molti casi, convivono proprio con i loro figli naturali. Insomma davvero una bella realtà sotto tanti punti di vista.

Con me parte anche Renato, un altro volontario. Dopo un viaggio durato quasi un’intera giornata, arriviamo verso sera; il villaggio è deserto e fa molto freddo, solo la luce tenue che traspare da qualche finestra e il fumo dei camini mi dicono che c’è vita. Ma il giorno dopo, di prima mattina, il vociare dei ragazzi che si apprestano a prendere il bus navetta che li porterà a scuola mi riporta alla realtà. Sono impaziente e finalmente si comincia con i progetti e il coinvolgimento dei ragazzi. Vorrei tanto che imparassero una canzone in italiano, niente come la musica è aggregante, quindi ci provo con “Nel blu dipinto di blu”. I ragazzi sorridono e si divertono a intonare il ritornello ….volare….Oh...oh…. ma ricordare e ripetere il testo completo della canzone in italiano non è facile.

La voce e gli occhi di Paolina sono quelli di un angelo. Il destino non ha dimenticato di inviare un angelo tra gli angeli anche qui in questa periferia di Karlino dove è ubicato il villaggio. I bambini più cresciuti preferiscono dare due calci al pallone. Le giornate sono corte, non ho molto tempo per stare con loro. Le difficoltà sono molte; comunicare con loro è difficoltoso, ma la complicità e la partecipazione è comunque gratificante. Ho in mente la realizzazione di un video con i ragazzi, raccogliere le loro idee e illustrarle. Poi subentrano i cosiddetti “problemi organizzativi”, pertanto decido di svilupparlo solo con la loro partecipazione.
Allora Paolina diventa musa ispiratrice. La sua innocenza già messa a dura prova da vicende di famiglia, la sua fragilità di bambina strappata dal destino agli affetti dei suoi stolti genitori, il suo splendido sorriso velato di una comprensibile tristezza, fanno di questa piccola creatura la protagonista vera del video.

Tu col tuo sorrisino hai indossato i panni dell‘attrice, cara Paolina sapevi che non ero un regista, certo anch’io pazientavo quando non riuscivi a non ridere, il gioco ti divertiva, la videocamera non ti intimoriva e ci giocavi. Anch’io del resto non pretendevo performance da attrice consumata e giocavo con te. Poi è arrivato davvero Natale e sicuramente Babbo Natale, quello vero, ti avrà portato tanti bei giocattoli, soprattutto quelli che desideravi , non quelli rotti che nel video che giravo al Villaggio ti avevano procurato solo incubi. Avrei voluto esserci quel giorno, vedere lo stupore, la gioia del tuo viso, vederti mentre li accarezzavi e li stringerli forte forte per paura di perderli come nella finzione del video. Io ero già partito portando con me quel bagaglio grande, immenso, pieno di gioia e di voglia di vivere che voi l’ultima sera avevate posato dietro la mia porta. Che regalo, cara Paolina: un autore ha scritto: “è la vita che ci può rendere simili alle bestie o agli dei, o il luogo dove il destino ci ha fatti nascere e dove ci farà morire umiliando i nostri sogni e deludendo le nostre speranze“. Ciao, Paolina, … e buona fortuna!

Guarda video realizzato a Karlino

titolo Ciao Paolina autore Domenico Catricalà telefono +39 016 121 9513 e-mail mimmo.catricala{at}gmail.com comune Vercelli istituzione di appartenenza CERSEO tipologia Progetti di volontariato Senior codice attività 2009-1-PL1-GRU14-05451-2 data inserimento 02/07/2010






 
 
 
 
<<  torna indietro

 
 
 

Agenzia Nazionale LLP DG Istruzione Europa Ministero Istruzione Agenzia Scuola
 
 
Concorso "Dimmi di Grundtvig" © Agenzia Scuola 2010