Questo sito è l'archivio del programma LLP 2007-2013.
Per informazioni sul nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport 2014-2020 consultare: erasmusPlus.it

Il mondo di Grundtvig

A chi si rivolge il programma Grundtvig? (Cfr. Guida del candidato 2010)

• Ai discenti inseriti nell’educazione degli adulti
• Alle istituzioni od organizzazioni che offrono opportunità di apprendimento, formali o informali, nel settore dell'educazione degli adulti
• Ai docenti e al personale di altro tipo operante presso tali istituti od organizzazioni
• Alle istituzioni che si occupano della formazione iniziale o continua del personale impegnato nell’educazione degli adulti
• Alle associazioni e ai rappresentanti dei soggetti coinvolti nell’educazione degli adulti, comprese le associazioni dei discenti e degli insegnanti.
• Agli organismi che offrono servizi di orientamento, consulenza e informazione connessi a qualsiasi aspetto dell’educazione degli adulti
• Alle persone e agli organismi responsabili, a livello locale, regionale e nazionale, dei sistemi e delle politiche riguardanti qualsiasi aspetto dell'educazione degli adulti
• Ai centri e agli istituti di ricerca che si occupano di tematiche relative all'educazione degli adulti
• Alle imprese
• Alle organizzazioni senza scopo di lucro, agli organismi di volontariato e alle ONG
• Agli istituti di istruzione superiore che si occupano di educazione degli adulti

E quindi, affrontando il secondo quesito (lo ricordiamo, chi è eleggibile nell’ambito delle attività sia progettuali che formative offerte dal programma Grundtvig?) si dirà che  i candidati eleggibili sono tutti coloro che operano, a vario titolo, e lavorano all’interno delle  categorie testé citate.
Vale a dire. I singoli candidati possono essere:

Persone in qualsiasi fase del proprio percorso di carriera che già lavorano a tempo pieno o parziale in una qualsiasi aera del settore dell’educazione degli adulti (formale, non formale o informale), ivi compreso il personale volontario così come quello formalmente in servizio. Questo gruppo comprende:

- Docenti/formatori in educazione degli adulti nel senso più ampio (formale, non formale o informale)
- Personale dirigente e amministrativo di organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nell’offerta di opportunità di apprendimento in età adulta
 - Personale coinvolto nell’educazione interculturale degli adulti, o che lavora con gruppi di persone migranti, zingari, lavoratori itineranti e comunità etniche
 - Personale che lavora con adulti con bisogni educativi speciali
 - Personale che lavora con persone a rischio di esclusione sociale, come mediatori e educatori di strada
 - Consulenti per l’orientamento
 - Personale che lavora presso enti locali o regionali che si occupano di educazione degli adulti, ivi compreso l’ispettorato
- Persone coinvolte nella formazione del personale impegnato nel campo dell’educazione degli adulti
- Persone che possono dimostrare una chiara intenzione di lavorare nel campo dell’educazione degli adulti ma che sono al momento in altri settori del mercato del lavoro (lavoro, pensionamento, ritiro dalla vita professionale per impegni familiari, disoccupazione etc)

Ma c’è un PERO’. Affrontiamolo.
In Italia, nel  mondo dell’istruzione scolastica, il sistema di istruzione degli adulti, vale a dire tutte quelle attività che sono realizzate esclusivamente per gli adulti (e non per gli studenti che seguono regolarmente il percorso curriculare), si è  progressivamente sviluppato con l’istituzione dei Centri territoriali permanenti per l’istruzione e la formazione in età adulta (CTP), previsti dall’ordinanza ministeriale 29 luglio 1997, n. 455.  Anche gli istituti di istruzione secondaria di 2° grado, gestori di corsi serali, hanno offerto un contributo all’innalzamento dei livelli di istruzione della popolazione adulta. Oltre ai corsi finalizzati al conseguimento del diploma di istruzione superiore e/o di qualifica, tali istituti hanno attivato anche altre tipologie di corso, ampliando il ventaglio dell’offerta formativa per adulti mediante l’erogazione di corsi a favore di cittadini stranieri per l’integrazione linguistica e sociale. Per un approfondimento del riordino previsto in questo settore si rimanda a Schema di regolamento recante norme generali per la ridefinizione dell’assetto organizza-tivo didattico dei centri d’istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali. RELAZIONE ILLUSTRATIVA 

Torniamo al programma LLP. E ci domandiamo:  gli istituti scolastici (prediletti da Comenius) sono eleggibili per le attività Grundtvig? Sì, ma
Avete letto bene. La risposta è Sì, ma attualmente sono eleggibili solo gli istituti scolastici che hanno presso le loro sedi  i CTP e gli istituti superiori di 2° grado che hanno attivato i corsi serali.
Ricordiamo che tutte le altre attività strettamente inerenti l’educazione degli adulti, organizzate dai singoli istituti scolastici, debbono essere descritte  dettagliatamente nei moduli di candidatura ( in particolare nei moduli di candidatura per la Formazione in servizio Grundtvig).  A tal proposito, il modulo da quest’anno è in formato elettronico (valido sia per Comenius  che Grundtvig) e ciò significa che si articola e si trasforma a seconda delle  selezioni che facciamo. Esempio pratico di una candidatura Formazione in Servizio Grundtvig.

Modulo_Gru_1.jpg

A) nella stringa SUB-PROGRAMME si seleziona GRUNDTVIG (scelta a tendina)

A questo punto il modulo è STRUTTURATO secondo il programma scelto: diventa un Grundtvig Application Form!

B) nella stringa ROUND si seleziona la data di scadenza prevista
C) nella stringa IS THE EVENT INCLUDED… si indica se il corso è stato scelto dalla banca dati Comenius/Grundtvig oppure no
…..etc etc

MA ATTENZIONE: nella schermata che segue, nella sezione E.3, è opportuno descrivere  quali attività rivolte all’educazione degli adulti sono state attiviate nella propria istituzione (in particolare se il candidato è in servizio presso un istituto scolastico). Da una chiara e dettagliata candidatura dipende l’esito finale della selezione: l’eleggibilità dell’istituzione e pertanto del candidato  è un requisito

Modulo_Gru_2.jpg

E a questo punto si pone un altro urgente quesito “grundtvighiano”. Quali tipi di attività sono sostenute?
 
• Visite preparatorie GRUNDTVIG
• Visite e scambi GRUNDTVIG per il personale che si occupa dell’educazione degli adulti
• Assistentati GRUNDTVIG
• Formazione GRUNDTVIG in servizio per il personale che si occupa dell’educazione degli adulti
• Workshop GRUNDTVIG
• Partenariati di apprendimento GRUNDTVIG
• Progetti GRUNDTVIG per il volontariato senior
• Progetti multilaterali GRUNDTVIG
• Reti multilaterali GRUNDTVIG
• Misure di accompagnamento GRUNDTVIG

Per amor di sintesi e con l’intenzione di alleggerire il dato meramente tecnico esposto sin qua vorremmo proporre di seguito una immaginaria  “carta di identità del candidato Grundtvig ideale”: compiliamola insieme…


Carta di identità del candidato Grundtvig
  gru_cartoonpic.jpg  gru_cartoonpic.jpg    gru_cartoonpic.jpg

Nome………………
Cognome……………
Attività svolta dal candidato …………………
a) Istituzione coinvolta nell’educazione degli adulti: descrizione dettagliata delle attività svolte………………………………………………………………………………………………………………………………………

b) Se non c’è l’istituzione alle spalle: descrizione delle attività svolte dal candidato nell’ambito dell’educazione degli adulti (sono un volontario – formatore – educatore –operatore – docente etc.) in passato e nel presente
1…………………….
2……………………
3……………………

c) Segni particolari:
Da quanti anni il candidato si occupa di formazione degli adulti (dettagli)………………………………………………
Come e quando il candidato ha iniziato ad occuparsi di educazione degli adulti (dettagli)………………………………………………

Il documento scade il 31 dicembre 2013.



Siamo certi che non abbiamo fugato tutti i possibili dubbi, in tal caso potrete sottoporceli nei seguenti modi:

per telefono il mart/mer/ven ore 10.30 -12.30
per e.mail mobilitagrundtvig@indire.it; visitescambi@indire.it; assistentigrundtvig@indire.it; workshp@indire.it; give@indire.itpartenariatigrundtvig@indire.it

Buon lavoro a tutti.
Il team Grundtvig cordialmente vi saluta.

Angela Miniati, Daniela Ermini, Celine Peroni, Ilaria Saturni, Rebecca Borgianni